Volete trasferirvi? La Svizzera è il posto migliore nel mondo per vivere e lavorare - BergamoNews
Lo studio

Volete trasferirvi? La Svizzera è il posto migliore nel mondo per vivere e lavorare

È quanto emerge dall'indagine annuale condotta dal colosso bancario HSBC: la confederazione elvetica interrompe dopo 5 anni il dominio di Singapore.

Per standard di vita e competitività dei salari la Svizzera è il miglior posto nel mondo dove vivere e lavorare: a dirlo è il report annuale del colosso bancario HSBC, che tiene conto del giudizio di più di 18mila persone emigrate in 163 Paesi diversi.

Una classifica che negli ultimi cinque anni era stata dominata da Singapore, scalzato proprio dalla confederazione elvetica nell’ultima rilevazione dopo un balzo impressionante dall’ottavo posto dello scorso anno.

Secondo quanto raccolto da HSBC ben l’82% delle persone che si sono trasferite in Svizzera per ragioni di lavoro hanno ammesso un miglioramento del loro tenore di vita e del loro reddito, in media di 111.587 dollari rispetto a una media mondiale di 75.966.

Le caratteristiche più apprezzate della Svizzera? Secondo l’indagine sono il sistema economico e politico e l’ambiente.

Come detto, dopo la Svizzera si piazza Singapore: in questo caso le preferenze maggiori vengono raccolte per l’efficienza del suo sistema scolastico.

Sul terzo gradino del podio il Canada, al quarto la Spagna.

E l’Italia? Fa il suo ingresso nella top 30 ma per trovarla bisogna scorrere fino al 28esimo posto. Se la qualità della vita ci vede qualche posizione più in su (23esima), lo stesso non si può dire per il giudizio lavorativo di chi si è trasferito: a preoccupare sono la possibilità di carriera e la stabilità economica del Paese.

leggi anche
  • Di costa imagna
    L’addio di Lugano a un valdimagnino, pioniere nell’abbigliamento
    gianni macconi lugano
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it