BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Più sicuri insieme”: Bergamo, forze dell’ordine aiutano anziani contro le truffe

In un video i rappresentanti di Polizia, Carabinieri e Finanza, oltre al Prefetto Elisabetta Margiacchi, spiegano come comportarsi per prevenire questo tipo di raggiri

Si chiama “Più sicuri insieme” il progetto delle forze dell’ordine di Bergamo per sostenere gli anziani contro le truffe. Un’iniziativa presentata nei giorni scorsi durante un incontro i Confartaginato, che ha portato alla realizzazione di un video in cui i rappresentanti di Polizia, Carabinieri e Finanza, oltre al Prefetto Elisabetta Margiacchi, spiegano come comportarsi per prevenire questo tipo di raggiri.

Truffe anziani

Nel filmato ci sono anche le testimonianze di alcuni anziani bergamaschi che in passato hanno subito questo tipo di truffe e forniscono consigli ai coetanei.

Il progetto si inserisce in una campagna nazionale contro le truffe agli anziani, giunta quest’anno alla quarta edizione, promossa da Anap con il Ministero dell’Interno, il Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Direzione Centrale della Polizia Criminale, con il contributo della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e del Corpo della Guardia di Finanza. L’obiettivo è quello di rendere la vita più difficile a questi truffatori in un Paese, l’Italia, con la maggiore quota di over 65 in Europa e, secondo le stime, nel 2050, un terzo degli italiani sarà anziano.

La campagna anche quest’anno prevede la distribuzione, in tutta Italia, di vademecum e volantini che contengono semplici regole, suggerite dalle Forze di polizia, per difendersi dai rischi di truffe e rapine in casa, per strada, sui mezzi di trasporto, nei luoghi pubblici, ma anche utilizzando Internet.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.