BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Stezzano, dissidi con il vicino: mentre lui è al mare gli brucia casa

L’autore del gesto, un operaio 41enne, è stato denunciato per incendio doloso

Rapporti di vicinato burrascosi. Sarebbe questo il movente che ha portato un uomo a dare fuoco a una villetta confinante con la sua. È successo nella notte tra giovedì e venerdì a Stezzano. Fortunatamente al momento del rogo non c’era nessuno in casa perché il padrone, un impiegato di 37 anni, sposato e padre di due figli, era al mare con la famiglia. Le fiamme, partite da due imposte, sono arrivate fino al tetto. Risultato: abitazione inagibile.

L’autore del gesto, un operaio 41enne del paese, è stato denunciato dai carabinieri della stazione di Stezzano per incendio doloso. Gli investigatori lo hanno inchiodato grazie a uno scontrino che è stato trovato nella sua auto. La conferma che poco prima aveva acquistato la Diavolina utilizzata per innescare il rogo.

Messo alle strette, il piromane alla fine ha confessato di essere stato lui. Motivo? Dissidi con il vicino. E da ultimo una raccomandata che la Polizia locale di Stezzano lunedì gli aveva fatto arrivare. Una semplice segnalazione per verificare la regolarità della sua costruzione. Secondo il racconto fatto ai militari, l’uomo era convinto che a inoltrare la segnalazione ai vigili fosse stato proprio il vicino di casa.

Da lì l’idea dell’incendio. Giovedì l’operaio va in un negozio e compra una scatola di Diavolina. Sa che i vicini sono in vacanza. Di notte posiziona il materiale infiammabile sotto due finestre della loro villetta e accende il fuoco. Le fiamme arrivano fino al tetto.

Scatta l’allarme e sul posto intervengono i vigili del fuoco. Durante le operazioni di spegnimento si accorgono che c’è qualcosa di strano. Partono le indagini e in breve il cerchio si stringe attorno all’operaio, che alla fine confessa.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.