BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Una pedalata per la vita: successo per “300 per la TIN” foto

L’evento, svoltasi nel pomeriggio di sabato 29 giugno, ha visto la partecipazione di oltre 300 persone provenienti da tutta la Lombardia.

Una pedalata per la vita: è questo l’obiettivo di “300 per la TIN”, la manifestazione svoltasi nel pomeriggio di sabato 29 giugno in sostegno del reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

L’evento, organizzato dall’Associazione per l’Aiuto del Neonato in collaborazione con Pedalare per la Vita e Perform Sport Medical Center, ha visto la partecipazione di oltre 300 persone che, nonostante il caldo opprimente e l’afa, hanno deciso di offrire il proprio contributo.

“L’iniziativa è nata grazie all’apporto di diversi genitori che hanno trascorso periodi più o meno lunghi in terapia intensiva, periodi che hanno segnato la loro vita – spiega Ivan Paolo Sardi, volontario dell’Associazione per l’Aiuto del Neonato -. Con quest’iniziativa abbiamo quindi voluto restituire qualcosa a chi ci ha dato molto e, attraverso l’aiuto di Perform, ci siamo riusciti”.

Provenienti da tutta la Lombardia, i partecipanti sono stati divisi in tre “ride” di 90 minuti ciascuna durante le quali si sono cimentati in esercizi di spinning: “ Non abbiamo avuto adesioni soltanto dal mondo dello sport, ma anche da quello medico-infermieristico – sottolinea Sardi -. Questa è una grande soddisfazione perché, durante il nostro percorso,  queste persone ci sono stati sempre vicini”.

Diversi i rappresentanti del mondo sportivo che hanno sostenuto l’evento benefico come Alejandro “Papu” Gomez, Matilda Pulega, Claudia Cretti e Luca Bramati, a cui si sono aggiunti anche personaggi dello spettacolo come Giulia Provvedi e Omar Fantini; un evento che, come osservato dagli stessi organizzatori, ha ottenuto un ottimo impatto sul territorio.

“Visto il successo ottenuto, è impossibile dire no a una seconda edizione – conclude Emanuele Arioli -. Abbiamo in mente altre idee, ma quest’ultime sono ancora in corso di valutazione”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.