BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Passo del Vivione chiuso, la Lega: “Riapritelo, a rischio l’economia turistica”

In prima fila il deputato Daniele Belotti, il consigliere regionale Roberto Anelli e il consigliere provinciale Gianfranco Masper.

Un sollecito alla riapertura dell’ex SS 294 che collega la Val di Scalve con la Val Camonica attraverso il Passo del Vivione, inviato alla Provincia di Bergamo e di Brescia, è stato firmato dai rappresentanti della Lega. In prima fila il deputato Daniele Belotti, il consigliere regionale Roberto Anelli e il consigliere provinciale Gianfranco Masper.

“La strada è aperta fino al rifugio del Passo del Vivione – scrivono i tre rappresentanti del Carroccio – ma è interrotta poco dopo, sul versante bresciano della Val Paisco e sta pregiudicando l’economia turistica della zona che è molto legata al passaggio di migliaia di turisti, in particolare motociclisti ed e-bikers di tutta Europa, soprattutto tedeschi, svizzeri ed austriaci”.

“Visto che né il gestore del Rifugio Passo del Vivione, né l’Amministrazione Comunale di Schilpario sono a conoscenza delle cause della chiusura e nemmeno dei tempi di riapertura. Visto che oltre a quello dei motocicisti sta crescendo lungo il Vivione anche il turismo delle e-bike che potrebbe portare un importante sviluppo turistico in Val di Scalve e in Val Paisco, i sottoscritti chiedono alle autorità, competenti per l’ex SS 294, quali sono le cause della chiusura della strada. Infine, sollecitano a ripristinare al più presto la viabilità in modo da non pregiudicare la stagione estiva, già ridotta quest’anno dalle nevicate primaverili e a tenere informati le locali Amministrazioni comunali che fino ad oggi non conoscono cause della chiusura e i tempi di riapertura”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.