BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Giochi Europei, oro per Balsamo e Cavalli nell’inseguimento a squadre

Le portacolori del team Valcar- Cylance Cycling, in compagnia di Letizia Paternoster e di Martina Fidanza, hanno superato in finale la Gran Bretagna

Pioggia di medaglie per il ciclismo su pista bergamasco ai Giochi Europei in corso a Minsk.

A trascinare il movimento orobico sul gradino più alto del podio sono state Elisa Balsamo e Marta Cavalli che nel pomeriggio di venerdì 28 giugno si sono imposte nell’inseguimento a squadre.

In compagnia di Letizia Paternoster e Martina Alzini le ragazze del team Valcar-Cylance Cycling hanno fermato il cronometro in 4’18″695 superando così in finale la Gran Bretagna e migliorando di oltre cinque secondi il tempo segnato al primo turno contro la Bielorussia.

“Questo è un successo storico che acquisterà grande valore nel tempo – spiega il commissario tecnico Dino Salvoldi nel dopo gara –. Come valore tecnico della prova sono contento e soddisfatto. Vicissitudini diverse ci hanno portato qui attraverso un percorso non omogeneo quindi, con più di un dubbio. La consapevolezza di essere un gruppo molto forte c’è e cresce in tutti noi. Lo vedrete molto presto!”

Finale amara invece per Davide Plebani e Stefano Moro che in campo maschile non sono riusciti ad andare oltre il secondo posto dietro la Russia.

Il 22enne di Sarnico e il compagno di squadra originario di Fontanella (quest’ultimo sostituito in finale da Carloalberto Giordani) sono stati costretti ad arrendersi al quartetto russo che, dopo aver fatto segnare il miglior tempo in qualifica e al primo turno, si è imposto anche nella finale per l’oro.

“E’ argento. Siamo secondi, ma visto l’emergenza ci accontentiamo – osserva il CT Marco Villa -. La nota positiva è anche l’inserimento nel gruppo élite di altri due elementi under 23 come Moro e Giordani. Siamo soddisfatti anche dalla notizia della vittoria di Filippo Ganna al Tricolore crono. Un risultato che esalta la filosofia del gruppo”.

In conclusione da segnalare anche la medaglia d’argento di Martina Fidanza che, dopo le due vittorie in Coppa del Mondo, ha chiuso in seconda posizione la prova dello scratch alle spalle dell’olandese Kirsten Wild.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.