BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Salvini a Treviglio: “Non rompo coi 5 Stelle e non conosco nessun Di Battista”

Sea Watch, autonomia e barriere di protezione sul confine con la Slovenia. È un fiume in piena Matteo Salvini, ospite giovedi 27 a Treviglio alla festa del Carroccio che si sta svolgendo nel nuovo Polo fieristico

Sea Watch, autonomia e barriere di protezione sul confine con la Slovenia. È un fiume in piena Matteo Salvini, ospite giovedi 27 a Treviglio alla festa del Carroccio che si sta svolgendo nel nuovo Polo fieristico tanto caro all’amministrazione Imeri. Nonostante il caldo record di questi giorni una folla di curiosi e militanti ha calcato il rovente suolo della Bassa per assistere alla performance del “Capitano”.

salvini a treviglio giugno 2019

E prima dell’inizio del comizio il primo cittadino di Treviglio Juri Imeri ha ricevuto le congratulazioni dal leader leghista proprio per il nuovo padiglione fieristico, con Salvini che ha affermato di apprezzare il “coraggio” dimostrato dall’amministrazione a trazione Lega nel portare a compimento l’opera. Quindi sono stati presentati alcuni dei neo sindaci lumbard eletti nella recente tornata elettorale.

Sul palco, però, il discorso è passato velocemente da un “capitano” a un altro: quello della Sea Watch, la ONG battente bandiera olandese che da qualche giorno staziona vicino alle coste della penisola. Anche in questo caso, come già ribadito nei giorni scorsi, il vicepremier ha confermato il pugno duro verso l’equipaggio dell’imbarcazione spiegando che, se fosse per lui, “la situazione si risolverebbe in cinque minuti: comminando cinquanta mila euro di multa alla ONG olandese, sequestrando l’imbarcazione, arrestando l’equipaggio e allontanando gli immigrati dal territorio italiano”.

Salvini, poi, ha parlato anche di un’altro tipo di accesso irregolare nel nostro Paese: quello che starebbe avvenendo nei boschi sul confine tra Italia e Slovenia. Sulla questione il leader della Lega ha rivelato che a breve partirà una collaborazione con le forze dell’ordine delle due nazioni per pattugliare queste aree: “Dal primo luglio partiranno pattuglie miste di poliziotti italiani e sloveni per andare a beccare queste persone nei boschi, se non bastano le pattuglie miste metteremo delle barriere di protezione lungo il confine per evitare che entrino: i confini ci sono perché hanno un senso”.

Non un vero e proprio muro alla Donald Trump quindi, ma un sistema di controlli e stop per limitare l’accesso non regolamentato nel nostro Paese.

Ai molti che dal pubblico gli chiedevano di troncare con i colleghi pentastellati il Ministro, almeno per il momento, ha risposto con un categorico “nein”, spiegando come l’intenzione sia quella di portare avanti i grandi obiettivi di governo: “Io sono testone e ottimista – ha affermato Salvini – prima voglio portare a casa quello che c’è nel Contratto di Governo, tra cui: l’autonomia per la Regione Lombardia, la riforma della scuola, la riforma fiscale e quella della giustizia. In particolare, in questo caso, vogliamo dimezzare i tempi dei processi e stabilire il principio per cui un magistrato, se decide di fare politica, non può più tornare a fare il magistrato”.

Tra gli altri temi trattati la riduzione delle tasse, la lotta alla mafia, la diminuzione degli sbarchi nell’ultimo anno, la legge che prevede l’installazione di telecamere in asili e case di riposo e i controlli a tappeto sui canili per prevenire i maltrattamenti sugli animali.

Durante il comizio non è mancata una piccola stoccata verso uno dei suoi principali antagonisti all’interno del Movimento 5 Stelle: Alessandro Di Battista. Alla specifica domanda di un attivista nel pubblico Salvini ha risposto con un secco: “Non conosco nessun Di Battista”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.