BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sul Sentierone torna BergamoIncontra: “Il tema della speranza come filo conduttore” foto

Otto incontri, una mostra, uno spettacolo e tanti volti noti della città

Più informazioni su

Dal 28 al 30 giugno torna BergamoIncontra, la manifestazione promossa dall’omonima Associazione. Titolo dell’edizione 2019 è “Può un uomo nascere di nuovo quando è vecchio?”.

La manifestazione, giunta alla sua 12° edizione, si svolge sul Sentierone e in Piazza Dante e presenta in calendario otto incontri, uno spettacolo proposto in collaborazione con deSidera Teatro, una mostra, la libreria, il servizio di ristorazione e lo spazio BimbIncontra con laboratori e giochi.

L’ inaugurazione, alla presenza delle autorità locali, è in programma venerdì 28 giugno alle 18. “Il tema proposto quest’anno, sintetizzato dalla frase di Nicodemo proposta come titolo, è la
speranza – spiega Michela Milesi, presidente dell’associazione Bergamo Incontra -. Ci siamo chiesti se dentro il clima di confusione, di paura, di incertezza c’è ancora il desiderio di ricominciare a sperare, di una novità vera che riempie il cuore e non ti abbandona. Durante l’anno abbiamo lavorato sul tema andando alla scoperta di persone e luoghi in cui la speranza ha il sopravvento. La
domanda di Nicodemo pone una questione decisiva per la vita di ogni uomo e siamo convinti che la rinascita di ciascuno coincide con la possibilità di ritornare a sperare. È quanto verrà documentato da incontri e testimonianze in cui la ‘rinascita’ accade e, accadendo, contagia gli altri. Sentiamo il bisogno di parlare direttamente al cuore dell’uomo, proponendo agli ospiti invitati e a chiunque partecipi di compiere un pezzo di strada insieme, mettendo al centro il nostro desiderio di rinascita.”

Gli incontri

Le proposte spaziano su temi di attualità, tra cui politica, immigrazione, carità, lavoro, educazione, affettività, dolore.

Educazione, affettività, desiderio sono al cuore dell’incontro sul titolo che vede protagonista – venerdì sera – lo spagnolo Jesús Carrascosa Ruiz, laureato in Lettere e Filosofia presso l’Università Complutense di Madrid e diplomato in Sociologia all’Università di Deusto (Bilbao, Spagna).

Carrascosa ha militato in un movimento anarchico-cristiano in Spagna e a metà degli anni Settanta l’incontro con don Luigi Giussani ha segnato il suo ritorno alla Chiesa e l’inizio di CL in Spagna. Oggi vive a Roma, dove ha collaborato alla nascita del Centro Internazionale di Comunione e Liberazione, di cui è stato direttore fino al 2006, e cura i rapporti con alcune comunità estere di CL.

La politica, la responsabilità civile e il bene comune saranno oggetto della tavola rotonda di sabato alle 11, che vede protagonisti cinque amministratori locali: Giorgio Gori, sindaco di Bergamo
Gabriele Cortesi, vice sindaco di Seriate, Luigi Fenaroli, sindaco di Barzana, Alberto Mazzoleni, presidente della Comunità Montana Valle Brembana e Giuseppe Togni, sindaco di Cavernago.  Aiutati da Giuseppe De Rita, presidente del Censis, sabato pomeriggio alle 15,30 si vuole documentare il valore sociale, educativo e politico di esperienze in cui il soggetto, accettando le sfide poste dalle circostanze storiche e grazie al suo “lavoro minuto”, contribuisce, di fatto, al bene comune di un paese. Due le esperienze proposte: Ferruccio Bonacina e Cinzia Zubi, titolari 3B Meccanica di Urgnano e don Roberto Trussardi, direttore Caritas diocesana di Bergamo come partner Accademia per l’Integrazione.

Bergamo Incontra

Il tema del dolore viene affrontato dalla mostra “C’è qualcuno che ascolta il mio grido? Giobbe e l’enigma della sofferenza”, realizzata per la XXXIX edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli. La mostra affronta il tema attraverso la figura biblica di Giobbe e di alcuni testimoni, tra cui quella del professor Mario Melazzini, direttore Scientifico Centrale degli Istituti Clinici
Scientifici Maugeri Spa SB, che sabato pomeriggio alle 18 dialogherà con il vescovo di Bergamo, Mons. Francesco Beschi. La mostra offre anche un’impronta bergamasca, in quanto tra i testimoni è stata inserita anche Giulia Gabrieli, la ragazza morta di tumore nel 2011 a 14 anni, per la quale è stato aperto il processo di beatificazione.

Anche quest’anno il tema dell’immigrazione è presente nel programma della manifestazione con un incontro domenica pomeriggio alle 15,30 che vuole indagare sulla possibile collaborazione tra la
nostra nazione e la terra d’Africa. Saranno presenti Agostino Sella, presidente dell’ Associazione don Bosco 2000, Seny Diallo, coordinatore in Senegal dell’Associazione don Bosco 2000, e Maria Ricci, responsabile Private Partnership Avsi

Spazio ai ragazzi delle scuole superiori nell’incontro dedicato alle opere di carità. Domenica pomeriggio alle 17,30: una tavola rotonda in cui, attraverso domande e testimonianze, si vuole
scoprire come gesti di carità apparentemente piccoli e insignificanti aprono a una prospettiva nuova per tutta la società e il mondo intero, rompendo gli schemi, la rassegnazione e il cinismo.

Completano il programma dell’edizione 2019 di BergamoIncontra la presentazione di due libri: Le lettere di Nicodemo. La vita di Gesù di Jan Dobraczyński e La verità nasce dalla carne di don
Luigi Giussani; e lo spettacolo teatrale Eccola là, la luna – Melologo elettroacustico da Pirandello (L’uomo dal fiore in bocca/Ciàula scopre la luna) realizzato da deSidera Teatro Festa finale con cena insieme e canti chiudono la manifestazione domenica sera.

BimbIncontra

La manifestazione propone uno spazio interamente dedicato ai più piccoli con laboratori, giochi, visite guidate alla Gamec in collaborazione con Ambarabart, muBE e Soqquadro. I laboratori sono
tutti gratuiti, ma è consigliata la prenotazione, consultando il programma su www.bergamoincontra.com

Libreria

Come gli scorsi anni, in collaborazione con la Libreria Buona Stampa, vengono proposti libri per documentare e approfondire i temi trattati durante la manifestazione.

Ristorazione

Nei tre giorni è infine attivo nell’area di Piazza Dante lo spazio ristorazione per pranzi e cene, con i
piatti della tradizione.

Orari

Venerdì 28 maggio dalle 18 alle 23
Sabato 29 maggio dalle 10 alle 23
Domenica 30 maggio dalle 10 alle 23
Per informazioni: www.bergamoincontra.com – info@bergamoincontra.com

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.