BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Capo ultrà del Milan nei guai: sequestri per un milione, anche casa in Bergamasca fotogallery

Si tratta della prima applicazione in Lombardia di una misura di prevenzione patrimoniale per un esponente delle tifoserie organizzate

 Ufficialmente fa l’elettricista, ma secondo le indagini si sarebbe guadagnato da vivere in altri modi. Nuovi guai per il capo ultrà del Milan Luca Lucci, detto “Il Toro”. La Polizia di Stato ha sequestrato beni per circa un milione di euro al 38enne, già arrestato nel maggio 2018 per concorso in spaccio. Tra i beni, anche un complesso immobiliare di due piani con autorimessa nel Bergamasco (Lucci ha una residenza a Scanzorosciate).

L'operazione della Polizia

Si tratta della prima applicazione in Lombardia di una misura di prevenzione patrimoniale per un esponente delle tifoserie organizzate. Il provvedimento è della sezione Misure di prevenzione del tribunale di Milano, presieduta da Fabio Roia, ed è stato eseguito dalla divisione Anticrimine della questura di Milano: oltre al complesso immobiliare, il sequestro riguarda anche anche un’auto di grossa cilindrata e conti correnti. Ma, soprattutto, il circolo “Clan 1899” di Sesto San Giovanni, storico ritrovo degli ultrà del Milan e secondo gli inquirenti “una base operativa per riunioni attinenti il traffico di stupefacenti e per ritiri o consegne di droga anche in contesti di criminalità organizzata”. A chiuderlo sono i giudici milanesi di prevenzione, su richiesta della polizia, per “pericolosità sociale” di quello che viene considerato il suo gestore di fatto: Lucci, appunto.

Del 38enne si era parlato anche a dicembre scorso, quando alcune foto che lo ritraevano assieme al ministro dell’Interno Matteo Salvini destarono molte polemiche. “Era la prima volta che lo incontravo – aveva commentato Salvini -. Ogni giorno faccio foto con centinaia di persone, ovviamente non chiedo il certificato penale a tutte le persone che mi fermano a feste, incontri, cene o in strada”.

Salvini Lucci

Salvini Lucci

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.