"Olimpiadi Milano-Cortina una nostra vittoria": M5S lombardo rimuove il post su Facebook - BergamoNews
Il caso

“Olimpiadi Milano-Cortina una nostra vittoria”: M5S lombardo rimuove il post su Facebook

Il bergamasco Violi: "È stata chiave comunicativa errata"

Il post è apparso nella serata di lunedì 24 giugno, poco dopo l’assegnazione delle Olimpiadi invernali 2026 a Milano e Cortina, sulla bacheca Facebook e sul blog della sezione lombarda del Movimento Cinque Stelle. Poco dopo, lo stesso post, che rivendicava l’assegnazione dei giochi come una “vittoria del M5S, dei lombardi e degli italiani” è stato rimosso. Perché la rete non ha tardato a sommergere i grillini di commenti negativi e sfottò. Probabilmente memore di quando consideravano le olimpiadi una sorta di grossa “mangiatoia”.

“È stata una chiave comunicativa errata – ha spiegato il consigliere regionale lombardo, Dario Violi -. È evidente che un evento del genere non è una vittoria solo del Movimento 5 Stelle ma un obiettivo per il quale ha lavorato tutto il Governo. Quindi il post è stato rimosso”.

La candidatura olimpica di Milano-Cortina “ha un taglio diverso rispetto al passato – ha aggiunto Violi -. Questo è un progetto diffuso, sostenibile, niente colate di cemento e budget ridotto. Sul rispetto di questi punti continueremo ad essere fermi e duri, così come sulla lotta alla criminalità organizzata che a questi eventi si avvicina sempre volentieri”.

leggi anche
  • La novità
    Sport Invernali, le nazionali: Martina Bellini e Valentina Maj guideranno il progetto “Milano-Cortina 2026”
    Martina Bellini - Valentina Maj
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it