BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Giochi 2026, la spinta di Goggia e Moioli: “Il nostro è un gran progetto”

Le campionesse bergamasche in campo per battere la candidatura di Stoccolma: racconteranno il dossier Milano-Cortina davanti ai membri del Cio

Più informazioni su

Lunedì 24 giugno sarà il giorno della verità per Milano-Cortina. A Losanna infatti i membri del Cio assegneranno i giochi olimpici invernali del 2026 e la scelta è tra la candidatura azzurra e Stoccolma-Are.

“Il nostro è un progetto stabile sostenibile e senza costi aggiuntivi rispetto a quelli del passato, e punta al rilancio del territorio”. Sofia Goggia, stella bergamasca dello sci italiano, ha studiato approfonditamente il dossier di Milano-Cortina ed è pronta a raccontarlo domani nella presentazione finale davanti ai membri del Cio, parlando in duetto con un’altra olimpionica bergamasca, la snowboarder di Alzano Michela Moioli.

“Ci passeremo la parola più volte e concluderemo con un ‘dreaming togheter’ – ha raccontato Goggia -. Sarebbe un sogno per me concludere la carriera in Italia”. Come Lindsey Vonn (“La regina ha calato il poker d’assi per noi”), secondo Goggia altri atleti preferiscono le Dolomiti: “Ad Aare mi sono presa soddisfazioni incredibili, ma noi abbiamo molto più da offrire della Svezia, che quest’anno al Mondiale di Aare, complice il maltempo a cui non si comanda, non penso abbia fatto una figura eccelsa”.

Italia o Svezia, Milano e Cortina oppure Stoccolma? Insomma, a chi andrà l’organizzazione dei Giochi invernali 2026? Mancano ancora sette anni all’evento, ma il verdetto è dietro l’angolo, con l’Italia che sogna un’Olimpiade 20 anni dopo Torino. I numeri sono ancora “ballerini” e il lavoro diplomatico andrà avanti fino a poco prima della votazione. Ma l’Italia è ottimista.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.