BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Solstizio d’estate: venerdì 21 giugno è il giorno più lungo dell’anno

Alle 17.54 ora italiana il Sole si trova allo zenith rispetto al Tropico del Cancro

Più informazioni su

Ebbene sì, le temperature insolitamente rigide e le piogge che hanno incessantemente tormentato la primavera sono ormai un ricordo lontano. La voglia di estate cresce, e la nostra amata Italia si sta già dipingendo dei colori tipici della stagione estiva, ricca di entusiasmo e ardore, cosa a cui rimanda anche l’etimologia della parola estate (dal latino aestas, connesso con aestus, calore).

Il 21 giugno il nostro emisfero vive il solstizio d’estate, il giorno più lungo dell’anno, quando alle 17.54 ora italiana il Sole si trova allo zenith rispetto al Tropico del Cancro. Nell’emisfero australe invece accade il contrario, e si assiste alla notte più lunga dell’anno, mentre tra il Circolo Polare Antartico e il Polo Sud, il sole non sorge.

Nell’emisfero boreale il solstizio d’estate rappresenta un’ondata di vita, soprattutto per quelle regioni settentrionali che nei mesi invernali non hanno potuto godere di luce solare. Questo evento ha un forte valore simbolico per i misteri, i riti magici e le tradizioni che hanno origine nell’antichità.

Sin dalle prime civiltà, l’avvento dell’estate, come tutti gli eventi astronomici, ha sempre incuriosito l’uomo perchè visto come la vittoria della luce sulle tenebre.

Le prime fonti che riportano alla celebrazione del solstizio d’estate provengono dal Sudamerica: Inca, Maya e Aztechi organizzavano grandiose feste dedicate alle divinità della terra, per segnare l’entrata nel periodo più prosperoso e fruttifero dell’anno.

Nell’immaginario comune è Stonhenge, complesso archeologico nella contea di Wiltshire nel sud del Regno Unito, il simbolo che meglio celebra l’inizio dell’estate. Si tratta del più famoso cromlech del mondo, un circolo di pietre monolitiche disposte con precisione lungo il diametro di una circonferenza immaginaria. Il complesso è di origine celtica ed è datato al 3000 a. C ca. Gli studi condotti nell’area archeologica hanno fatto ipotizzare che Stonehenge possa essere stato il primo osservatorio astronomico rudimentale della storia. Durante il solstizio estivo infatti, i raggi del sole attraversano l’asse del circolo di pietre, illuminando l’altare al centro del complesso.

Ogni anno, tra il 20 e il 21 giugno, migliaia di persone provenienti da tutto il mondo giungono a Stonehenge per assistere a questo suggestivo spettacolo, indossando costumi tradizionali e aspettando i primi raggi di sole della giornata.

Ma cosa rappresenta per noi l’arrivo dell’estate?

Sicuramente è la stagione più attesa dell’anno, amata in particolare dai giovani che possono godersi lunghe vacanze dopo un intenso anno scolastico, un po’ meno invece da chi è preso con gli esami di maturità o con la sessione estiva.

È il periodo che raccoglie solitamente i ricordi più vivaci e spensierati della vita, che mettono in secondo piano il caldo torrido, le zanzare e tutti quegli inconvenienti che possono infastidire ed ostacolare la nostra estate.

I festival musicali invadono le città, facendo cantare e ballare le folle presenti nelle piazze, all’insegna di musica e divertimento.

Bergamo il 21 giugno 2019 si inserisce nel palinsesto della Festa Europea della Musica e organizza la quinta edizione cittadina del grande evento. Questa iniziativa è nata in Francia il 21 giugno 1982 e dal 1995 ha assunto un carattere internazionale coinvolgendo più di 300 città in tutto il continente, tra cui 120 comuni italiani. Ogni anno, il 21 giugno, nelle piazze delle località aderenti alla manifestazione si svolgono concerti gratuiti di musica dal vivo realizzata da musicisti di ogni genere e di ogni livello. L’intento è quello di far sì che ogni artista si possa esprimere liberamente, perchè la Festa della Musica appartiene prima di tutto a coloro che la amano.

Anche negli uffici, nelle aziende e nelle università inizia il countdown per l’inizio delle vacanze, magari verso una meta tropicale, una città d’arte o nelle nostre località marittime; per chi invece desidera immergersi in un po’ di freschezza ed allontanarsi dal calore e dall’afa delle città, la destinazione più gradita è la montagna.

In ogni caso, qualunque professione si eserciti, l’estate è l’occasione perfetta per trascorrere momenti in compagnia, con famiglia e amici, di cimentarsi in avventure mai intraprese prima e di lasciare spazio ad un po’ di spensieratezza, lontana anni luce dalla freneticità e dalle preoccupazioni che occupano la quotidianità.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.