Quantcast
L'inchiesta Foppolo arriva in tribunale: udienza preliminare per i 17 imputati - BergamoNews
Il processo

L’inchiesta Foppolo arriva in tribunale: udienza preliminare per i 17 imputati

Una seduta molto tecnica, in cui sono state costituite le parti civili

Primo appuntamento in tribunale dopo la maxi inchiesta che ha coinvolto Foppolo, l’indagine condotta dal pubblico ministero Gianluigi Dettori nata da un incendio doloso alle seggiovie dell’8 luglio 2016, Un rogo che ha poi fatto emergere ben altro, con reati come pesanti la bancarotta fraudolenta.

Sono 17 gli imputati a chiamati a rispondere di ben 45 capi d’accusa. Martedì 18 giugno l’udienza preliminare di fronte al gup Vito Di Vita. Una seduta molto tecnica, in cui sono state costituite le parti civili, vale a dire i Comuni di Foppolo (ma solo per alcuni capi d’accusa e non la bancarotta), Carona e Valleve, che hanno avuto dei danni d’immagine, e inoltre la Regione Lombardia (in quanto vittima delle presunte truffe sulle rendicontazioni aggiustate per incassare contributi, oltre 3 milioni secondo la Guardia di finanza), e il fallimento della società Brembo Super Ski che gestiva gli impianti di risalita a Foppolo.

Sotto inchiesta, tra i 17, proprio l’ex sindaco di Foppolo, Giuseppe Berera (che ha scelto il rito abbreviato anticipando che parlerà), quello di Valleve, Santo Cattaneo (abbreviato), l’ex segretario comunale, Saverio De Vuono (anche lui ha scelto il rito abbreviato e già anticipato che parlerà), e la segretario al comune di Foppolo, Luisa Piredda.

Altri hanno scelto la via del patteggiamento, come Alberto Boselli, l’imprenditore bresciano Sergio Lima, Giancarlo Montini (che ha patteggiato una pena di 2 anni con pena sospesa), Riccardo Tomasi (10 mesi), Roberta Valota, moglie di Berera, e Elena Zaccarini.

A giudizio Mauro Arioli, Antonio Ditto, Vittorio Salusso, e i fratelli Andrea e Giovanni Semperboni. Prossima udienza il dieci settembre, nel corso della quale il gup deciderà se accogliere o meno le richieste.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it