BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Delocalizzazione in Bulgaria e 23 esuberi: sciopero alla CastFutura di Terno

Giovedì verranno effettuate 8 ore di sciopero e un picchetto, a partire dalle 7,30, davanti ai cancelli dell’azienda.

Più informazioni su

Tensione e proteste a CastFutura, azienda di Terno d’Isola specializzata nella progettazione, produzione e vendita di soluzioni tecnologiche destinate agli elettrodomestici da cottura domestica alimentati a gas ed alle caldaie da riscaldamento, recentemente acquisita dalla multinazionale Robertshaw.

Mercoledì 19 giugno la direzione ha annunciato alle Organizzazioni Sindacali che a partire dal 1 ottobre la produzione verrà chiusa e delocalizzata in Bulgaria. Così, viene fissato a 23 il numero degli esuberi (tutti gli addetti diretti della produzione, dunque), mentre a Terno rimarranno i settori di commerciale, finanziaria e logistica, con 67 addetti.

Giovedì verranno effettuate 8 ore di sciopero e un picchetto, a partire dalle 7,30, davanti ai cancelli dell’azienda.

“È inspiegabile la volontà di delocalizzare a fronte di una situazione economica e finanziaria non certo negativa – dice Teresa Cubello, della FIM CISL di Bergamo -, ma solo perché CastFutura è entrata a fare parte della galassia di Robertshaw. La nostra impressione è che questa scelta sia dettata dalla esclusiva volontà di ridurre costi che poi sui lavoratrici e lavoratori lì da oltre 20 anni. In più – continua Cubello –l’80% degli esuberi coinvolge donne, la cui difficoltà di collocazione sul mercato del lavoro è ancora più complessa e difficile , sia per l’età che per il rallentamento del settore”.

FIM e FIOM hanno chiesto la revoca dei 23 licenziamenti, “e continueremo la protesta fino a quando non avremo risposte positive al proposito”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.