“Cervicale”, l’insidia dell’estate con l’aria condizionata - BergamoNews
Informazione Pubblicitaria

Centro Benessere spa Sabai Thai

Sabai thai

“Cervicale”, l’insidia dell’estate con l’aria condizionata

Un colpo di freddo può facilmente mettere ko: il freddo e gli sbalzi di temperatura con una brusca diminuzione delle temperature, possono scatenare la cervicalgia.

Con l’aria condizionata, il fatidico colpo d’aria alla “cervicale” è un’insidia per chiunque. Una saetta di aria fredda può colpire in particolare collo e schiena. In quanti si passano una mano sul collo o sulle spalle dopo essere stati per un po’ in un ambiente climatizzato o a diretto contatto con un ventilatore? In estate è una scena piuttosto comune.

Un colpo di freddo può facilmente mettere ko: il freddo e gli sbalzi di temperatura con una brusca diminuzione delle temperature, possono scatenare la cervicalgia, ovvero un dolore localizzato alla zona cervicale. Il collo è infatti l’area più esposta al getto d’aria condizionata: i muscoli si contraggono e si prova dolore.

Spesso il “torcicollo” o la cosiddetta “cervicale” possono accompagnarsi anche a una forma di cefalea. Le contratture muscolari inducono a volte capogiri e mal di testa.

Chi soffre di artrite o artrosi deve evitare aria condizionata e ventilatore?

Il dolore causato dal freddo è più di natura muscolare che articolare, ma chi soffre di questa condizione deve comunque prestare attenzione. Il freddo è infatti un aggravante: questo dolore si somma a quelli già esistenti.

Quali sono le articolazioni più sensibili?

Sicuramente quelle dalla schiena. Questo perché le articolazioni della colonna vertebrale hanno una muscolatura che svolge un ruolo importante per il mantenimento della postura. Se si contraggono questi muscoli, allora ne risentono anche le articolazioni.

Come ci si può difendere dall’aria condizionata?

Coprirsi con una sciarpa, per esempio, o evitare di stare direttamente esposti al getto dell’aria condizionata, magari tenere le temperature un po’ più alte. Per il trattamento, invece, si può prendere un antiinfiammatorio, effettuare dei massaggi, dello stretching.

I massaggi sono efficaci?

Anche una seduta di massaggi può funzionare, ma con una precauzione: il massaggio deve essere molto dolce nel primo periodo; se è “violento” può infiammare ulteriormente il muscolo contratto. Stretching e allungamenti dolci vanno bene, servono al rilascio dei muscoli e al riequilibrio fasciale.

Al centro benessere “Sabai Thai”, a Bergamo in via XX settembre 115 (al piano interrato di galleria Mazzoleni) è possibile effettuare un’ampia gamma di trattamenti anche per la cervicale. Per avere ulteriori informazioni e per prenotarsi telefonare al numero 035230866 oppure accedere al sito www.sabaithaispa.com

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it