Carabiniere travolto e ucciso al posto di blocco: arrestato l'investitore - BergamoNews
A terno d'isola

Carabiniere travolto e ucciso al posto di blocco: arrestato l’investitore fotogallery video

Si tratta di un 34enne di Sotto il Monte che ora dovrà rispondere di omicidio stradale: la vittima, 41 anni, era un appuntato del nucleo Radiomobile della compagnia di Zogno.

Un uomo di 41 anni è deceduto alle prime luci dell’alba di lunedì 17 giugno dopo essere stato investito in via Padre Albisetti a Terno d’Isola.

Si tratta di un carabiniere che è stato investito da un’auto a un posto di blocco ed è morto sul colpo. Secondo le prime informazioni pare che all’origine della tragedia ci sia la guida in stato di ebbrezza da parte dell’investitore. Del caso si sta occupando la polizia stradale di Bergamo.

Erano le 2.53 quando sono scattati i soccorsi e sul posto sono arrivate due ambulanze un’automedica, il personale medico non ha potuto che costatare la morte del carabiniere, l’appuntato Emanuele Anzini, appartenente al nucleo Radiomobile della compagnia di Zogno e originario di Sulmona, in Abruzzo.

L’uomo si trovava insieme ai colleghi lungo la provinciale che collega Presezzo con Sotto il Monte quando, improvvisamente, l’auto alla quale aveva intimato l’alt per un controllo lo ha travolto e trascinato per decine di metri sull’asfalto: un impatto violento che ha mandato in frantumi il cristallo della macchina.

L’uomo al volante, un 34enne di Sotto il Monte, è stato arrestato con l’accusa di omicidio stradale: sulle spalle un precedente pesante, la sospensione della patente sempre guida in stato di ebbrezza e omissione di soccorso.

L’appuntanto Anzini era molto conosciuto e amato in Val Brembana, nel suo tempo libero faceva il volontario alla Croce Rossa di San Pellegrino Terme.

leggi anche
  • Carabiniere ucciso
    Il colonnello Storoni: “Rabbia e dispiacere per una tragedia che non trova giustificazioni”
    carabinieri zogno
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it