BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pronti per la Donizetti Night? Il programma della serata musicale in città

L’appuntamento è nel cuore di città bassa, ma per non perdervi tra uno spettacolo e l’altro, tra un concerto e una esibizione, vi conviene usare una mappa

Più informazioni su

Ad ogni Donizetti Night, la città si trasforma. Proprio come ad una serata di gala, sarà più bella ed elegante. Potreste non riconoscerla, ma non temete: è sempre la nostra Bergamo, solo più scintillante per i festeggiamenti che inizieranno alle 18.30 di sabato 15 giugno. Non ci saranno dress code o liste di invitati. Sarete tutti accolti alla magica serata in onore di Gaetano Donizetti.

L’appuntamento è nel cuore di città bassa, ma per non perdervi tra uno spettacolo e l’altro, tra un concerto e una esibizione, vi conviene usare una mappa. Ad ogni angolo di Bergamo troverete una sorpresa da favola, da salotto o da strada. Sarete liberi di muovermi creando il vostro percorso su misura.

Ecco il programma in dettaglio.

Il programma artistico della serata è suddiviso in tre macro aree tematiche indirizzate ai vari aspetti
dell’arte del compositore orobico e pensate per le più diverse forme di espressione e di ascolto:

Donizetti da salotto”, per la zona di piazzetta Santo Spirito/via Tasso;

Donizetti da favola”, per i più piccoli ma non solo, in piazza Vittorio Veneto;

Donizetti da strada”, da via Vittorio Emanuele a largo Rezzara, per la programmazione più “pop”
e innovativa.

L’edizione 2019 sarà caratterizzata da tre appuntamenti, in cima a una lista ideale degli eventi da
non perdere, ai quali si potrà assistere da una platea con posti a sedere o con inediti percorsi di visita e ascolto.

Primo in ordine cronologico (dalle ore 20 in poi) Don Gaetano – A Speed Date With il progetto
vincitore del primo concorso bandito dalla Fondazione Teatro Donizetti per l’ideazione di progetti
di teatro musicale destinati alla Donizetti Night, e rivolto ad artisti, associazioni culturali e
organizzatori. Ideato dal giovane regista e drammaturgo Davide Marranchelli (Cantù, 1982), Don
Gaetano ha vinto, su quasi trenta proposte in concorso, per le caratteristiche originali della
narrazione e per il singolare rapporto con il pubblico durante la performance. L’allestimento si
articolerà in sei container-palcoscenici posizionati in piazza Matteotti (davanti all’anagrafe) e
proporrà al pubblico un percorso inusuale nella vita privata ed artistica di Donizetti: si potrà entrare
così in alcuni episodi più o meno noti della vita del compositore bergamasco, realizzati all’interno
dei singoli container, incontrando i protagonisti secondo una drammaturgia sinuosa e intrigante.
Platea con posti a sedere nell’atrio del Palazzo della Provincia (ore 21) per lo spettacolo nato dalla
collaborazione della Fondazione Teatro Donizetti con il Conservatorio cittadino che segna anche il
ritorno di una coppia di successo della Night 2018, quella formata dall’attore Pietro Ghislandi edal direttore d’orchestra Roberto Frattini, autori di drammaturgia, regia ed interpreti di
…maledetto Gaetano! pastiche sconcertante in un quadro con l’Orchestra e il Coro del
Conservatorio “Gaetano Donizetti” di Bergamo, su musiche naturalmente anche di Gaetano
Donizetti. In scena un gruppo di giovani cantanti come Leonora Tess, Chang Hoon Lee, Riccardo
Benlodi e Sumin Seo; i costumi sono di Cinzia Mascheroni (responsabile della sartoria della
Fondazione Teatro Donizetti), il maestro del coro è Elisa Fumagalli.

Non può mancare lo spettacolo con Francesco Micheli che, quest’anno, avrà il suo palcoscenico
davanti Palazzo Frizzoni. Insieme al soprano Marta Torbidoni – applauditissima alla Revolution al
Teatro Sociale lo scorso 12 aprile – e all’Orchestra I Pomeriggi Musicali diretta da Fabrizio
Ventura, si festeggeranno i 50 anni dell’allunaggio (1959-2019) con un nuovo spettacolo pensato
dallo stesso direttore artistico insieme a Michele Balistreri e Paolo Cascio, dal titolo La luna:
prodotto in collaborazione con l’Artosphere Festival in Arizona – dove andrà in scena a fine giugno
– è un viaggio fra le musiche e le ambientazioni lunari e notturne di Donizetti insieme ad altre
celebri pagine di Bellini, Rossini, Verdi, Offenbach e Debussy di analoga ispirazione, omaggio
sonoro a una delle più iconiche conquiste dell’uomo nel Novecento. Le immagini sono firmate da
Francesca Ballarini, i costumi sono di Cinzia Mascheroni e l’abito indossato da Marta Torbidoni è
concesso dalla famosa imprenditrice di moda bergamasca Tiziana Fausti, rinnovando una felice
collaborazione nata nel 2018.

Oltre a questi tre appuntamenti caratterizzanti l’edizione 2019, il pubblico potrà assistere a decine di spettacoli disseminati lungo le tre aree tematiche: danza, concerti e piccoli spettacoli dedicati a
Donizetti.

Sarà la parata inaugurale – che prenderà il via da Piazzetta Santo Spirito alle ore 19 – della Banda
musicale “Don Guerino Caproni” di Carobbio degli Angeli diretta da Silvano Brusetti a dare inizio
alla Donizetti Night e, novità di quest’anno, ci sarà anche un evento di chiusura sul Sentierone:
dalla Terrazza Fausti, il tenore Antonio Mandrillo e l’Estudiantina Ensemble Bergamo diretta da
Pietro Ragni saranno interpreti di una Serenata al Teatro che dorme.

Nella zona “Donizetti da salotto”, protagonisti in via Tasso saranno gli allievi di Conservatorio
Donizetti, la Compagnia Artemis Danza, la Corale Santa Maria Annunziata di Serina; nella chiesa
di Santo Spirito l’organista Fabrizio Varoncini presentato dal Festival Organistico Internazionale
per un concerto basato su temi suggeriti dal pubblico; e ancora il duo jazz con Gabriella Mazza e
Fabrizio Garofoli, l’Ensemble Matteo Salvi, l’Estudiantina Ensemble Bergamo, i Solisti di
AchRome Ensemble. Davanti al Liceo Manzù, il soprano Federica Cervasio sarà interprete di una
prima L’audizione opera+street art di Michele Balistreri e Pietro Utili. A Palazzo Zanchi parole e
musica con il Quintetto di fiati “Orobie”, Bernardino Zappa, il tenore Antonio Mandrillo e il
baritono Paolo Ingrasciotta nello spettacolo “Il vento della solitudine” quindi Gaetano…
bergamasco: come sempre a Bergamo di e con Gabriele Laterza, Savino e Pietro Acquaviva.
Nell’atrio della Biblioteca Caversazzi, si parlerà e ascolterà Don Pasquale grazie al progetto di
PrendiNota, quindi pagine del giovane Donizetti con l’Ensemble cameristico Musica Aperta e
Bodyzetti con l’Associazione Culturale Milleunanota.

La zona “Donizetti da favola” si apre all’altezza del sagrato di San Bartolomeo con le esibizioni di
due celebri cori di voci bianche, Gli Harmonici diretti da Fabio Alberti e i Piccoli Musici diretti da
Mario Mora. Ampio spazio a piazza Vittorio Veneto agli spettacoli e ai giochi per bambini insieme
a Sottosopra Cooperativa Sociale e Il magico mondo di Mari: torna lo spettacolo Gaetano,
Gioppino e l’elisir d’amore con I Burattini di Daniele Cortesi e arriva una novità, L’elisir d’amore –
Pene di cuore del coniglio Nemorino, una produzione di AsLiCo per OperaKids, dedicata a piccoli
spettatori da 3 a 6 anni e ambientata in una fattoria.

Nel tratto “Donizetti da strada”, oltre agli spettacoli di Marranchelli e Micheli, ci saranno tre dj set
con Jodi Pedrali e il performer Matteo Augello, Luc le Duc e NicoNote, due incontri in
collaborazione con il festival Fiato ai libri, il primo con Giorgio Personelli dedicato a Lucrezia
Borgia e il secondo con Ferruccio Filippazzi e il trio Les Saponettes dedicato agli anni giovanili di
Gaetano, quindi ancora racconti con Davide Gasparro e il Quartetto FantaBrass, il Quartetto
Kaosmos, Air for Brass the Bèrghem e il Soncino Percussion Ensemble.

Fra il Quadriportico del Sentierone e le Colonne di Prato, sfileranno e balleranno in costumi
d’epoca donizettiana i componenti della Società di Danza Bergamo Città dei Mille.
Coinvolgimento collettivo itinerante nel Quizzone donizettiano su “10 cose da sapere su Gaetano
Donizetti”, pensato e realizzato dagli studenti dell’Istituto Statale Superiore “Betty Ambiveri” di
Presezzo nel progetto di alternanza scuola-lavoro condotto da Alice Guarente per Promoscuola in
collaborazione con la Fondazione Teatro Donizetti.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.