BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mondiale Under 20, si spegne in semifinale il sogno dell’Italia di Del Prato

Gli azzurri, guidati dal commissario tecnico Paolo Nicolato, sono stati sconfitti per 1-0 dall'Ucraina

Si interrompe sul più bello l’avventura della Nazionale Italiana ai Mondiali Under 20 di calcio che in semifinale è stata sconfitta per 1-0 dall’Ucraina.

I ragazzi di Paolo Nicolato si sono dovuti infatti arrendere alla formazione guidata da Oleksandr Petrakov che, grazie a una prodezza di Sehrii Buletsa, al 65’ passa in vantaggio e conquista il pass per la prima finale della sua storia.

Nel primo tempo l’Italia si affida al consueto 3-5-2 con Plizzari fra i pali protetto da Gabbia, Ranieri e dall’atalantino Del Prato e con la fase offensiva affidata a Scamacca e Pinamonti sostenuti a centrocampo da Bellanova, Frattesi, Esposito, Pellegrini e Tripaldelli; una prima frazione di gioco equilibrata che vede le due squadre studiarsi e non pungere particolarmente, se si eccettua il caso di una punizione di Buletsa che al 37’ impegna il portiere azzurro.

Nel secondo tempo l’Italia, che perde per infortunio Frattesi, guadagna fiducia e campo riuscendo a rendersi pericolosa al 63’ con Pinamonti che, dopo aver sfruttato un’azione orchestrata da Esposito e Scamacca, manda a lato di poco un buon tiro, tuttavia nel suo momento migliore la formazione tricolore viene punita da Buletsa che, sfruttando lo spazio concessogli dalla difesa azzurra, mette in rete un cross basso di Konopliia.

Volitivo nonostante lo svantaggio, l’undici italiano prova a raggiungere il pareggio, tuttavia subisce le ripartenze dell’Ucraina che prima sfiora il vantaggio con Supriaha che, a tu per tu con Plizzari, si divora un’ottima opportunità, poi all’83 colpisce una traversa con Kashchuk.

In 11 contro 10 a partire dal settantanovesimo minuto a causa dell’espulsione di Popov, gli azzurri trovano il pareggio in pieno recupero grazie a una splendida girata di Scamacca, ma l’intervento del VAR smorza immediatamente gli entusiasmi dei tifosi italiani e consegna il successo nelle mani dell’Ucraina.

Del Prato e compagni saranno ora chiamati a riscattarsi nella finale del terzo-quarto posto in programma venerdì 14 giugno alle 20.30, una partita che in caso di vittoria permetterebbe ai vicecampioni europei di confermare il risultato ottenuto due anni fa in Corea del Sud.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.