Collari d’oro, il presidente del CONI Giovanni Malagò premia Sofia Goggia e Michela Moioli - BergamoNews
La cerimonia

Collari d’oro, il presidente del CONI Giovanni Malagò premia Sofia Goggia e Michela Moioli

Le campionesse olimpiche sono state insignite dell’importante riconoscimento nella giornata di lunedì 10 giugno

Giornata piena di riconoscimenti per Sofia Goggia e Michela Moioli che lunedì 10 giugno hanno ricevuto alla sede del CONI i Collari d’Oro.

Assenti alla cerimonia dello scorso 19 dicembre, le due campionesse olimpiche sono state premiate dal presidente del Comitato Olimpico Italiano Giovanni Malagò che, in compagnia del segretario generale Carlo Mornati e del presidente federale Flavio Roda, ha insignito della Palma d’Oro il commissario tecnico della nazionale di snowboard Cesare Pisoni.

Ricevute in precedenza a Palazzo Chigi assieme a una folta delegazione di atleti FISI, le due bergamasche sono state premiate anche dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo sport Giancarlo Giorgetti, il quale ha sottolineato l’importanza dei risultati ottenuti: “Si tratta di un incontro che desideravamo da tempo e che finalmente portiamo a compimento – ha spiegato Giorgetti -. Voglio ringraziare gli atleti per tutti i successi che ci hanno regalato durante il passato inverno e auspico che possano ripetersi anche in futuro”.

“La FISI è una federazione del tutto particolare che si regge per oltre il 70% del proprio bilancio su sponsorizzazioni e diritti tv e che investe circa il 75% del proprio denaro per l’attività delle Nazionali – ha aggiunto il presidente Roda -. Bisogna ricordare anche l’attività capillare degli organismi federali, diffusi su tutto il territorio grazie a 1.200 sci club, ai Comitati Regionali e Provinciali”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it