BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Campionati italiani Juniores e Promesse, Marta Zenoni concede il bis nei 1500 metri foto

La 20enne di Ranica, già vincitrice nei 5000 metri, ha concluso la propria prova con il tempo di 4’21”58

Si chiudono nel segno di Marta Zenoni i Campionati Italiani Juniores e Promesse di atletica leggera disputatisi nel secondo weekend di giugno a Rieti.

Dopo essersi imposta già nei 5.000 metri promesse, la 20enne di Ranica si è confermata anche nei 1.500 metri, portando così a quattro il numero di titolo conquistati nel 2019.

Partita con gli onori del pronostico, là portacolori dell’Atletica Bergamo 1959 si è messa in luce già nella prima parte, riuscendo a rimanere nel gruppo delle migliori, gruppo sgretolato sotto il suo impulso nel corso dell’ultimo giro nel quale la giovane bergamasca ha distanziato le proprie avversarie chiudendo con il crono di 4’21”58.

Oltre all’oro di Marta Zenoni, l’Atletica Bergamo 1959 festeggia anche per la prestazione ottenuta da Abdelakhim Elliasmine nella prova maschile: il 20enne di Brembate Sopra ha chiuso una gara decisa in volata al terzo posto in 3’48”92, distante soltanto 47 centesimi dal vincitore Pietro Arese (Safatletica Piemonte) e 36 da Ossama Meslek (Atletica Vicentina), un risultato confermato anche nella staffetta 4×400 metri in cui il giovane mezzofondista, in compagnia di Roberto Rota, Giovanni Crotti e Danilo Frigeni, ha concluso le proprie fatiche sul gradino più basso del podio in 3’18”26.

Ulteriori soddisfazioni per la formazione giallorossa giungono dalla staffetta 4×400 metri juniores maschile che con Birane Ndao, Elia Cavalli, Simone Poretti e Luca Pierani consegue la medaglia d’argento dopo aver fermato le lancette del cronometro in 3’21”41.

Duecento metri sfortunati invece per Alessia Pavese (Atletica Brescia 1950) che, dopo aver fatto segnare la miglior prestazione in batteria, non ha potuto competere per la vittoria a causa di un infortunio che l’ha frenata.

Per la ventenne di Villa di Serio terzo posto in 24”14 e medaglia di bronzo distante soltanto a 1 centesimo dall’argento e a 12 dall’oro, un bronzo che in chiave bergamasca è giunto anche dalla prova maschile grazie al 21”56 del 20enne di Zanica Christian Jamie Bapou (Atletica Biotekna Marcon).

In conclusione salto triplo maschile a due facce per l’atletica orobica: se nella gara promesse Chiebuka Emmanu Imeheje (Cento Torri Pavia) ottiene la terza posizione con la misura di 16,28 metri raggiunta al quarto te tentativo, fra gli juniores il portacolori della Bergamo Stars Atletica infila tre nulli e vanifica tutte le sue possibilità di vittoria dopo aver realizzato la miglior prestazione durante il turbo di qualificazione.

Foto Colombo/FIDAL

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.