Ranzanico, Freri confermato per 6 voti: "Che tensione, il mio cuore messo a dura prova" - BergamoNews
Al ballottaggio

Ranzanico, Freri confermato per 6 voti: “Che tensione, il mio cuore messo a dura prova”

Dopo il pari del 26 maggio (359 voti a testa), il sindaco uscente rieletto con 358 preferenze

Ha atteso il verdetto delle urne fuori dal seggio, dividendosi tra la piazza e il bar davanti al municipio, cercando in tutti i modi di allontanare la tensione. “Altissima. E non ho mica un cuore che resiste – dice Renato Freri (‘Insieme per Ranzanico’) confermato sindaco al ballottaggio -. Sapevo benissimo che tutto si giocava su cinque o al massimo dieci voti”.

Alla fine ne sono stati decisivi 6, dopo il 359 pari del 26 maggio tra il sindaco uscente e il candidato Sergio Buelli (‘Rinnovamento per Ranzanico’) già sconfitto cinque anni fa di sole 7 lunghezze.

“Sono stati quindici giorni di campagna elettorale prolungata – commenta Freri -. Dedico la vittoria a tutti quelli che mi vogliono bene”.

In tarda serata la tensione si è subito convertita in gioia: “Nemmeno abbiamo avuto modo di organizzare una festa perché c’era troppa incertezza. Solo tanti abbracci e un brindisi con gli amici più stretti”.

Freri, 61 anni, l’ha spuntata con 358 voti, mentre Buelli, 74 anni, si è fermato a 352. L’affluenza alle 23 si è assestata al 63,64 per cento, in calo rispetto allo 71,02 del primo turno. “Adesso abbiamo l’opportunità di continuare il lavoro cominciato cinque anni fa – conclude il primo cittadino -. Ci sono ancora tante cose da fare, ma guarderemo in particolar modo a territorio, ambiente, viabilità e sicurezza stradale”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it