Bergamo e provincia

Meno rapine, molte più truffe agli anziani, 764 arresti: il bilancio annuale dei carabinieri fotogallery video

I dati diffusi in occasione della festa dell'Arma. Tra il pubblico anche l'ex magistrato Antonio Di Pietro

Furti e rapine in calo, mentre aumentano di oltre il 70% le truffe agli anziani, ed è un dato preoccupante. È quanto emerge dal bilancio annuale dei carabinieri di Bergamo diffuso alla festa dell’Arma in occasione del 205° anniversario di fondazione.

La cerimonia si è svolta mercoledì 5 giugno all’interno della caserma “Lorenzo Forleo”, sede del Comando Provinciale, alla presenza delle principali autorità civili e politiche. Tra il pubblico i rappresentanti delle forze di polizia cittadine, oltre a numerosi sindaci dei paesi della nostra provincia. Presente anche l’ex magistrato Antonio Di Pietro.

Il comandante provinciale Paolo Storoni, nel corso del suo intervento, ha tracciato un quadro dell’attività svolta dai militari bergamaschi, facendo cenno ai dati relativi ai risultati operativi conseguiti dai reparti dipendenti e dei carabinieri Forestali.

Nell’ultimo anno l’Arma bergamasca ha proceduto all’arresto di 764 persone, alla denuncia in stato di libertà di 7700, risposto a 75mila chiamate di intervento al 112 e svolto 43 mila servizi perlustrativi, procedendo per circa l’85% dei reati commessi in tutta la Provincia.

Il dato complessivo dei delitti contro il patrimonio è sostanzialmente lo stesso del 2018, 26748 rispetto a 26639, ma sono diminuiti i furti di circa il 5%, attestandosi il dato a 18371 rispetto ai 19260 dell’anno precedente, così come le rapine 305 (-17%), decrementi ascrivibili all’intesa attività di controllo del territorio.

Il numero dei delitti complessivo consumati in provincia negli ultimi dodici mesi è stato di 41569, sugli stessi livelli di due anni prima e circa il 6% in più dell’anno precedente, dovuto all’incremento dei reati di danneggiamento (+670, +16%) , delle truffe nei confronti di anziani ( +272, +79%).

Gli omicidi dolosi e tentati sono stati 16, un terzo in meno dei 24 dell’anno precedente. 84 le violenze sessuali, in linea con gli anni precedenti.

L’attività repressiva ha consentito di incrementare del 10% il numero dei delitti scoperti, in particolare del 3% quello dei delitti contro il patrimonio, per i quali sono state arrestate 194 persone e denunciate 1852. Le persone arrestate sono state 764 (+50%) e quelle denunciate 5687 (+10%).

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI