BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lavoro, i contratti integrativi premiano Bergamo: 102 accordi per 10mila lavoratori foto

In 19 accordi è prevista una quota fissa di welfare versata presso le piattaforme dedicate (da un minimo di 100 a massimo 500 euro) o direttamente forniti dall’azienda sotto forma di Buoni spesa o benzina (minimo 100 euro massimo 250 euro) .

“Il lavoro di contrattazione, svolto nel 2018 dalle categorie della Cisl di Bergamo, fotografa in modo puntuale come ci sia bisogno di tutela e di attenzione ai bisogni che le persone vivono nei propri luoghi di lavoro”.

Danilo Mazzola, segretario provinciale del sindacato di via Carnovali, descrive così l’immagine che esce dal tradizionale resoconto dell’azione contrattuale delle categorie bergamasche.
In un anno sono stati sottoscritto 102 Premi di Risultato in altrettanti realtà economiche del territorio, coinvolgendo oltre 10.000 lavoratori.

Il settore più interessato è stato quello meccanico, con Fim che ha formato 40 accordi; poi, il chimico – tessile (25 i contratti di secondo livello sostenuti da Femca) e il commercio (con i 15 Premi di risultato avallati dalla firma di Fisascat).

In 15 di questi accordi è previsto un parametro legato alla sicurezza e 22 accordi prevedono la presenza come metodo distributivo. Il livello economico dei premi sottoscritti, varia da un minimo di 300 euro a un massimo 2.700 euro con una media attorno ai 1.200/1.500 euro.

contrattazione

In 10 accordi è stato introdotto e migliorato il valore dei buoni pasti, da un minimo di 2,50 euro giornalieri a 7,50 euro legati alla presenza. Per quanto riguarda la parte relativa al Welfare aziendale, in 37 accordi è prevista la possibilità di trasformare parte o tutto il premio di risultato in beni e servizi. Tra questi, in 7 accordi è prevista una seconda opzione con la possibilità di versare il premio maturato anche nei fondi pensioni contrattuali.

In 19 accordi è prevista una quota fissa di welfare versata presso le piattaforme dedicate (da un minimo di 100 a massimo 500 euro) o direttamente forniti dall’azienda sotto forma di Buoni spesa o benzina (minimo 100 euro massimo 250 euro) . La conciliazione “vita – lavoro” entra in 3 accordi provinciali, grazie ai quali è stato introdotto il lavoro agile (Heineken, Schneider e Cifa).

Quattro accordi aziendali hanno previsto l’ampliamento del part time andando a migliorare le percentuali previste dai ccnl; in 12 si introducono giorni o ore aggiuntive (rispetto alla legge) di permesso retribuito per la nascita figli o per malattia dei figli e visite mediche (da un 1 a 6 giorni e da 4 ore a 12 ore annue); altri 6 Accordi hanno incrementato l’indennità relativa ai congedi parentali (maternità e paternità ex facoltativa) portandoli per 1 mese al 50, 60, 70, 80 % del proprio salario (in 5 casi) o un aumento del 10% per tutti i 6/7 mesi (1 caso).

Infine, 6 accordi prevedono l’introduzione delle “ferie solidali”, che possono essere donate a colleghi in condizione di necessità per l’assistenza dei figli con particolare problemi di salute.

“I 102 accordi sottoscritti – prosegue l’analisi di Mazzola – hanno sviluppato una contrattazione “su misura” che con molta concretezza e attenzione si è sviluppata su diversi aspetti. Oltre alla parte economica, molto importante e legata all’andamento aziendale, sempre di più si sta sviluppando l’attenzione anche alla qualità di vita delle persone e delle proprie famiglie, con l’introduzione di aspetti importanti che riguardano welfare e conciliazione vita lavoro. Penso che la soddisfazione migliore, dopo anni di crisi vissuti anche nella nostra provincia, per un sindacato che ha come compito primario l’attenzione ai bisogni delle persone sia quello di sviluppare il proprio impegno in una contrattazione il più vicino alla stesse. Altro aspetto importante: questa contrattazione si è sviluppata soprattutto in realtà medio piccole, dove la rappresentanza e la tutela dei lavoratori spesso è difficile da perseguire”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.