Cazzano Sant'Andrea, demolita la casa pericolante: riaperta via Mazzini - BergamoNews
L'intervento

Cazzano Sant’Andrea, demolita la casa pericolante: riaperta via Mazzini

Nella serata di mercoledì 29 maggio erano crollati dei calcinacci da una vecchia casa: immediato l'intervento del Comune che aveva interdetto la zona a pedoni e veicoli e chiesto al proprietario di ripristinare le condizioni di sicurezza.

È stata riaperta al traffico via Mazzini a Cazzano Sant’Andrea: la strada che porta al centro del paese era stata chiusa dopo il crollo di materiali da una vecchia casa nella serata di mercoledì 29 maggio.

Per mettere in sicurezza la zona, il Comune aveva immediatamente emesso un’ordinanza di chiusura della strada, sia al traffico veicolare che pedonale, a partire dal civico 1 fino al civico 7.

Successivamente, con un’altra ordinanza, si era chiesto al proprietario dell’immobile, residente ad Albino, di provvedere immediatamente alla messa in sicurezza delle porzioni di fabbricato parzialmente crollate oppure pericolanti con la demolizione delle stesse e il successivo trasporto dei materiali di risulta nelle discariche autorizzate.

Invito accolto dal proprietario che ha incaricato una ditta della demolizione completa dell’immobile, ripristinando così le condizioni di sicurezza nella zona.

Ciò che resta dell’edifico, quindi, non rappresenta più in pericolo per i passanti e nel fine settimana appena trascorso via Mazzini è stata riaperta al traffico.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it