Atalanta, Gasperini respinge tutti: "Non vendiamo i nostri gioielli" - BergamoNews
Sulla gazzetta

Atalanta, Gasperini respinge tutti: “Non vendiamo i nostri gioielli”

"Alla fine, forse, l'uscita dall'Europa League è stata un bene"

Dopo la qualificazione in Champions, il rinnovo del contratto e la statua a lui dedicata in centro a Bergamo, Gian Piero Gasperini è sempre più leader dell’Atalanta. Lo conferma anche nell’intervista sulla Gazzetta in edicola oggi.

“Come potevo lasciare questa città?”. Certo, Roma poteva essere una bella alternativa… “Di sicuro avrei guadagnato di più, ma a tutti i club che mi hanno cercato ho spiegato che prima avrei dovuto parlare con Percassi”. Il presidente dell’Atalanta non ha mollato, ma il problema del rimanere o andare non era di certo economico.

“L’eliminazione con il Copenaghen è stata molto dolorosa, perché avevamo lavorato tanto per conquistare l’Europa League. Ma non eravamo nelle condizioni di competere, eravamo incompleti e gli acquisti erano arrivati tardi. Dalle ceneri di quell’amarezza è nata la nostra reazione e la spinta per una stagione esaltante. Nel momento più critico chiesi ai ragazzi di scrivere alla lavagna quale sarebbe stato il nostro traguardo. Nessuno scrisse Champions. Un paio dei più giovani, ottimisti, scrissero Europa League. I più: togliersi in fretta dai guai. Ilicic: la salvezza. E non fu il solo. I ragazzi sono stati eccezionali e sono andati oltre ogni speranza, nonostante una rosa ridotta. Alla fine, forse, l’uscita dall’Europa League è stata un bene. Ma quanto è successo deve servirci da lezione per il futuro”.

E a proposito di futuro, che non si pensi che l’Atalanta molli proprio ora. “Avviso ai naviganti: non avvicinatevi che tanto l’Atalanta non vende”, dice Gasperini. Anche se 60 milioni per Zapata o Mancini… “A quelle cifre ne parliamo, perché si possono trovare sostituti. Nessuno parte e poi acquisti importanti in attacco, alternative per Gomez, Ilicic e Zapata. Un centrocampista, due se non verrà riscattato Pasalic. In difesa e sulle fasce siamo più attrezzati. Vedremo le opportunità che si presenteranno. Il mercato ormai si fa così, non inseguendo i sogni”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it