BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

In Valbrembana la carica dei sindaci 20enni: “Ridiamo ossigeno alla montagna”

Cinque nuovi amministratori tra i 24 e i 29 anni. L'affermazione più clamorosa a Camerata Cornello, dove Andrea Locatelli ha posto fine all'era Lazzarini. Lotta allo spopolamento e turismo i concetti su cui puntano

Il ribaltone più clamoroso in Valbrembana, senza dubbio, lo si è visto a Camerata Cornello. Dove Andrea Locatelli, classe 1990, ha dato il ben servito al sindaco uscente Gianfranco Lazzarini, per decenni alla guida del paese brembano: 56,50% delle preferenze contro il 43,50. “Evidentemente i giovani e le nuove idee vengono premiati – commenta Locatelli, che a Camerata Cornello ha uno studio da geometra -. E poi, in paese, si respirava un po’ di malumore… Forse era l’ora di cambiare” (caso o meno, l’affluenza ha sfiorato l’87%, record in provincia). Il suo programma insiste su due parole chiave: ripopolamento e turismo. “Per mantenere i servizi attivi sul territorio e perché non è da tutti avere uno dei borghi più belli d’Italia”, dice a proposito di Cornello dei Tasso.

Stessi concetti che ha a cuore Ilaria Rovelli, designer, 26 anni, eletta a Roncobello dove succederà ad Andrea Milesi – trent’anni più anziano – dopo avere superato Luciano Gervasoni (53,42% dei voti).

Ma non sono gli unici under 30 eletti in valle, tutti al comando di liste civiche. A Cassiglio, Silvia Lodedo, 24 anni, ha avuto la meglio sul candidato Giovanni Pettorossi, decisamente più esperto, raccogliendo il 77,78% dei consensi. A Foppolo Gloria Carletti, 27 anni, vice presidente del collegio regionale dei maestri di sci e laureata all’Università della Montagna di Edolo, l’ha spuntata su Davide Oberti, ingegnere di 25. Entrambi sono scesi in campo per risollevare le sorti di un Comune sull’orlo del dissesto finanziario, “ma pieno di potenzialità e voglia di rinascere” a partire dagli impianti di risalita.

C’è poi Manuel Rossi, classe 1991, unico candidato a Santa Brigida che prenderà il posto del 75enne Carluccio Regazzoni. E Luca Locatelli – 32 anni, il più ‘anziano’ del lotto, si fa per dire – già assessore allo Sport, Turismo e Tempo Libero eletto a Vedeseta.

“E pensare che il sindaco più giovane fino a ieri ero io – commenta ironico Jonathan Lobati, 30 anni, rieletto a Lenna -. Che ci siano tanti giovani candidati è senza dubbio positivo, una boccata d’ossigeno per la nostra montagna”. “Chissà che non si cambi davvero passo, starà anche a noi mostrar loro piena collaborazione” aggiunge Fabio Bonzi di Dossena, altro ‘giovane veterano’ rieletto a 31 anni dopo aver raggiunto il quorum in un batter d’occhio. Praticamente coetaneo di Andrea Pelani, confermato a Cusio: “La notizia più bella di queste elezioni è vedere che in Valle Brembana tanti giovani, nonostante tutto, abbiano deciso di mettersi in gioco per il proprio paese e per il proprio territorio – ha commentato a poche ore dal voto su Facebook -. La speranza è che, vada come vada, non perdano la passione e la voglia di valorizzare questa bellissima terra”.

Non è andata troppo bene a Federico Carminati, 20 anni, che ha tentato la scalata a Zogno dove però c’era la fortissima concorrenza della Lega. Un’affermazione netta quella di Selina Fedi – già assessore all’ambiente – che ha travolto anche Carlo Ghisalberti con il 60,87 dei voti.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.