A Calcio Elena Comendulli supera l'ondata leghista ed è ancora sindaco - BergamoNews
La conferma

A Calcio Elena Comendulli supera l’ondata leghista ed è ancora sindaco

Il primo cittadino ha raccolto 1611 voti, il 59,10%: "Bella sorpresa, non mi aspettavo nemmeno di vincere. Grazie a tutti"

Più forte dell’ondata leghista in Europa. Elena Comendulli con il suo gruppo Buongiorno Calcio di centrosinistra si conferma sindaco di Calcio superando nettamente Pietro Quartini, un passato alla guida del paese, sostenuto dalle liste Ascoltiamo Calcio, Lega e Forza Italia.

Il primo cittadino ha raccolto 1611 voti, (il 59,10%, erano stati 1251 nel 2014), mentre Quartini si è fermato a 1115 (40.90%).

Un risultato schiacciante, che nemmeno la vincitrice si aspettava: “Devo svelare che i nostri sondaggi ci davano sconfitti alla vigilia, ma per fortuna hanno sbagliato – commenta soddisfatta Comendulli – . Poi ci sono stati i risultati delle Europee con la netta affermazione della Lega che sosteneva il mio rivale. Ero pessimista, però per fortuna abbiamo superato anche quella. Grazie ai tanti che ci hanno votato. È una vittoria che vale moltissimo per noi”.

“È stata una campagna elettorale piuttosto tesa – prosegue – in cui non sono mancate pesanti critiche e nemmeno attacchi personali. Ma alla fine i cittadini hanno premiato il nostro lavoro svolto in questi cinque anni.

Ora andiamo avanti con ciò che abbiamo iniziato in questi mesi. A dispetto di tante voci, non era campagna elettorale ma rientrava nel nostro programma. Primi obiettivi? Tengo in particolare alla sistemazione della pista ciclabile di via Covo per la sicurezza dei lavoratori dell’Italtrans, poi il campo da calcio sempre in via Covo e la viabilità del paese”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it