Cinema e tv: Alessio Boni interpreterà Enrico Piaggio, Giovanni Treccani e Giorgio Ambrosoli - BergamoNews
Le novità

Cinema e tv: Alessio Boni interpreterà Enrico Piaggio, Giovanni Treccani e Giorgio Ambrosoli

Prosegue il momento d'oro dell'attore bergamasco, che si sta dedicando a nuovi impegni sul grande e sul piccolo schermo.

Prosegue il momento d’oro di Alessio Boni. L’attore bergamasco, che negli ultimi mesi è stato protagonista di tanti progetti fra teatro, fiction e cinema, si sta dedicando a nuovi impegni sul grande e sul piccolo schermo.

Più precisamente, sarà al centro delle scene di quattro lavori che vedremo nei prossimi mesi. Innanzitutto, sarà protagonista della fiction “Enrico Piaggio, un sogno italiano“, miniserie su RaiUno diretta dal regista Umberto Marino.

Contemporaneamente girerà come co-protagonista del film “Calibro 9” di Toni D’angelo con Marco Bocci, Ksenia Rappoport, Barbara Bouchet e Mario Adorf. La produzione è di Minerva Pictures e Rai Cinema con il contributo del ministero dei beni e delle attività culturali.

Inoltre interpreterà due docu-fiction: su RaiTre “Il volto delle parole” su RaiTre, dove vestirà i panni di Giovanni Treccani, e su RaiUno “Giorgio Ambrosoli – Il prezzo del dovere“, del regista Alessandro Celli, dove sarà Giorgio Ambrosoli.

Ma non è tutto: sulla Rai andranno in onda le nuove stagioni della fiction “La strada di casa” e “La compagnia del cigno”, che nel cast annoverano Alessio Boni. In un’intervista recentemente rilasciata al settimanale Vero, rispondendo alla domanda “Ti rivedremo presto sul piccolo schermo”, l’attore ha risposto: “Sì, prima con la nuova stagione de ‘La strada di casa’. Poi sarà la volta de ‘La compagnia del Cigno’, di cui stanno scrivendo la seconda serie, ormai è ufficiale”.

Alessio Boni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it