BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ultima carta di Stucchi: “Bergamo capofila di una vera città smart 2.0”

Un progetto pilota innovativo di cui Bergamo sarà capofila sotto il sigillo di "smart city 2.0", mai testato in modo così avanzato

Un progetto pilota innovativo di cui Bergamo sarà capofila sotto il segno di una “smart city 2.0”, mai testato in modo così avanzato. È questa l’ultima carta che il candidato di centra destra Giacomo Stucchi ha voluto calare a pochissime ore dalla chiusura della campagna elettorale.

“Con noi Bergamo diventerà una vera smart city 2.0 ossia di seconda generazione perché daremo ai cittadini, agli imprenditori, ai professionisti servizi efficienti grazie all’utilizzo di tecnologie digitali. Essere una smart city significa far funzionare bene i servizi pubblici essenziali per le persone e per le imprese, utilizzando la tecnologia in modo mirato e non disperdendo risorse”, ha dichiarato il candidato.

Un progetto che, al suo livello iniziale, costerà 400mila e saranno quattro i temi in cui “la città intelligente” vorrà puntare il suo occhio da Grande Fratello, in un moderno orwelliano 1984: i servizi sociali, la sicurezza, i trasporti, la mobilità e il turismo, gestito tutto con la tecnologia 5G.

“Per quanto riguarda i servizi sociali, con l’impiego di tecnologie digitali innovative e dirompenti garantiremo un sistema comunali di welfare altamente efficiente. Utilizzeremo tecnologie di Big Data per disporre di informazioni accurate e veritiere e tecnologie di robotizzazione per automatizzare e rendere certe e oggettive le procedure autorizzate. Svilupperemo, così, un sistema per integrare le banche dati e intraprendere le azioni necessarie alle reali esigenze della comunità, prevedendo i bisogni emergenti e per individuare così i bisognosi d’aiuto”.

Un punto che si collegherà direttamente al telecontrollo e alla telemedicina, attraverso cui, secondo il progetto di Stucchi, metterà a disposizione servizi in grado di far sentire meno sole le persone, specialmente chi è più fragile e isolato.

Al centro, anche, la sicurezza. Attraverso, infatti, il sistema progettato si potrà rilevare automaticamente tutti i segnali provenienti da ogni dispositivo già presente in città: telecamere, semafori, dispositivi di illuminazione pubblica intelligente.

“Analizzeremo in modo automatico, attraverso algoritmi certificati e in linea con la normativa sulla privacy i dati, ottenendo informazioni su cui sviluppare analisi predittive per cogliere in tempo utile ogni fenomeno evolutivo e degenerativo”.

Il fil rouge che lega tutti i temi è quello di poter realizzare un sistema che fornisca una reale conoscenza tempestiva dei fenomeni, come quelli della mobilità: “consentirà al Comune di attuare politiche di regolazione del traffico e della sosta dinamiche che bilancino e contemperino le diverse esigenze, senza squilibri e svantaggi per nessuno. Attueremo un sistema di completa automazione della città, integrando e collegando i dispositivi attraverso software che ne consentano l’acquisizione dei dati, la programmazione remota e la gestione in tempo reale”. 

Trasporto e mobilità che non può prescindere dal turismo: “Realizzeremo un modello di gestione del turismo basto sulle tecnologie di realtà aumentata, realtà virtuale, costruzione a distanza di itinerari tematici personalizzati, in grado di anticipare ed espandere la fruizione dei percorsi turistici. Doteremo Bergamo di una piattaforma digitale per la gestione delle fasi di organizzazione e autorizzazione degli eventi, per la sicurezza e la buona riuscita di tutte le manifestazioni”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.