Temporale, manifesti giù: candidato leghista riattacca anche quelli degli avversari - BergamoNews
A casazza

Temporale, manifesti giù: candidato leghista riattacca anche quelli degli avversari video

Roberto Freti: "Mi sembrava una cosa giusta da fare, c'è rivalità politica ma alla fine siamo tutti amici"

“La battaglia con gli avversari è solo politica. Siamo un paese piccolo e ci conosciamo tutti, quindi mi sembrava giusto fare ciò che ho fatto”. Minimizza così il suo gesto Roberto Freti, candidato con la lista leghista al consiglio comunale di Casazza.

Mercoledì 22 maggio il 39enne, da sempre residente nel paese della Val Cavallina, dopo il lavoro è andato a riattaccare i manifesti che erano stati danneggiati dal temporale che si era abbattuto nella zona nelle ore precedenti. Non solo quelli della sua lista targata Carroccio e con Fiorenzo Cortesi candidato sindaco, ma anche quelli delle due avversarie: Orizzonte Comune che sostiene Sergio Zappella e Semplicemente Casazza per Omar Ghilardi.

“Mi sono armato di secchio, colla e pennello, e sono andato in paese – racconta Freti – . Per prima cosa ho sostituito i nostri che erano rotti. Poi ho visto che anche quelli degli altri non erano messi molto bene, così li ho riattaccati. L’ho ritenuta una cosa giusta, c’è rivalità politica ma alla fine siamo tutti amici”.

“Preciso che io non volevo nemmeno girare il video. È stato un mio amico a riprendere la scena.  Diversi passanti mi hanno ringraziato. Possibilità di vincere? Non so, all’inizio ero un po’ scettico. Ora sembra che siamo in rimonta. Vedremo. In ogni caso, che vinca il migliore per il bene di Casazza”.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it