BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Favori per rilasciare patenti: funzionario della Motorizzazione condannato a 9 anni

Per questo motivo giovedì 23 maggio è stato condannato a 9 anni di carcere Richard Paul Vitti, 54enne di Bergamo

Più informazioni su

Secondo gli inquirenti chiedeva favori in cambio del rilascio delle patenti di guida. Per questo motivo giovedì 23 maggio è stato condannato a 9 anni di carcere Richard Paul Vitti, 54enne di Bergamo, il funzionario della Motorizzazione civile arrestato dalla polizia stradale un anno fa. Corruzione, concussione, truffa ai danni dello Stato e falso, questi i pesanti capi di imputazione nei confronti dell’uomo che fino a stamattina si trovava ai domiciliari nella sua abitazione in città.

arresto motorizzazione

Secondo l’indagine condotta dall’Ufficio Polizia Giudiziaria della Sezione Polizia Stradale di Bergamo e Sottosezione di Seriate in stretta sinergia coordinata dalla Procura di Bergamo, le sedute delle prove pratiche di scuola guida, che vedevano come esaminatore seduto sui sedili posteriori dell’auto il funzionario della Motorizzazione, venivano snellite e velocizzate in cambio di utilità, come somme di denaro, ricariche telefoniche, borse della spesa contenenti generi alimentari, rifornimenti di carburante e lavaggio dell’autovettura privata del funzionario, buoni carburanti, pranzi e altri doni.

Il funzionario, abusando dei suoi poteri, promuoveva o bocciava gli esaminandi facendo fare percorsi più lunghi e manovre tecnicamente più difficili o ponendo domande non previste nel programma d’esame a fine seduta.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da BeppeCatasto

    Peccato che abbiano condannato solo lui. I fatti che gli sono stati contestati avvengono da almeno 20 anni, già quando ho fatto io la patente nell’anno 1999 mi era stato chiesto di pagare per poter fissare una data di esame non troppo lontana. I suoi colleghi e anche i predecessori oggi in pensione hanno agito in questo modo per decenni, chiedendo favori, soldi, regali, bottiglie di vino, salami e chi più ne ha piu ne metta, per velocizzare le date degli esami o garantire la patente a chi non era preparato. L’impressione è che uno abbia pagato per tutti…

    1. Scritto da moro45

      E’ assolutamente vero, ma non solo, cio’ avveniva anche per passare la revisione della propria auto.
      Ogni tanto scopriamo l’acqua calda