Quantcast
Il King of the Pilo si prende una pausa: niente torneo di basket al campetto - BergamoNews
La decisione

Il King of the Pilo si prende una pausa: niente torneo di basket al campetto

Gli organizzatori, dopo aver constatato che non ci fossero le condizioni all'interno del parco di via Rosolino Pilo, stavano vagliando anche altre alternative: “Per quest'anno ci concentriamo su altri progetti”.

Dal 2013, tra la fine di giugno e l’inizio di luglio, era l’evento più atteso dagli amanti bergamaschi del basket: ma non solo, perchè piano piano il passaparola, il corollario di eventi e la caratura degli ospiti hanno fatto sì che alle ultime edizioni arrivasse anche gente da fuori provincia.

Diciamo “era” perchè il King of the Pilo, il torneo di basket di strada del campetto di via Rosolino Pilo, non avrà alcuna edizione 2019: la Pilo Agency, organizzatrice dell’evento, ha infatti deciso di prendersi quantomeno una pausa, lasciando un vuoto nell’estate sportiva cittadina.

“Abbiamo considerato le difficoltà negli anni scorsi per organizzare un evento di questo tipo – commentano – Data anche l’incertezza che aleggia attorno a tutto il parco di via Rosolino Pilo, per quest’anno non ce la siamo sentiti di proseguire. Abbiamo provato a considerare altre location ma al momento non ne abbiamo trovata nessuna che risponda alle nostre esigenze. È una decisione che a noi pesa e non è per niente definitiva sul futuro del torneo: però non volevamo organizzare qualcosa tanto per e rischiare di fare un lavoro fatto male”.

Già, il parco di via Rosolino Pilo: oggi è sotto la direzione di Bergamo Infrastrutture ma per la prima volta in 15 anni il bar è rimasto senza gestore, con il “servizio momentaneamente sospeso per problemi organizzativi”, come recita il cartello attaccato all’ingresso blindato con un lucchetto.

Così senza il gestore del bar, che avrebbe dovuto “traghettare” fino all’assegnazione del nuovo bando, anche l’apertura del parco è stata ridotta.

In questa situazione precaria è rischioso pensare di organizzare al meglio un torneo che ha avuto una crescita spaventosa dalla sua nascita: dai riconoscimenti Fisb a torneo silver prima e gold poi fino all’incredibile edizione 2017 con special guest Gigi Datome, capitano della nazionale italiana di basket che portò con sé anche Martin Castrogiovanni (e c’erano anche Diego Flaccadori, Elisa Penna e David Moss).

“Quest’anno – continuano dalla Pilo Agency – il King of the Pilo rischiava davvero di non essere sostenibile. siamo sicuri che tutti la gente che ci ha seguito fino ad oggi capirà la nostra scelta. Vogliamo continuare a promuovere il basket e lo streetball a Bergamo e provincia, per tutte le età, ma vorremmo trovare delle condizioni accettabili per farlo Lo mettiamo in pausa, concentrandoci sull’Academy, progetto a cui teniamo tanto e con molte possibilità di crescita, ricordando anche come sia l’unico camp di streetball in Italia. Ci dispiace perchè al momento il campo di via Rosolino Pilo è abbandonato a sé stesso: è un grande peccato soprattutto per la community di giocatori e appassionati che frequentano il campo quotidianamente, ma siamo fiduciosi per una riapertura a breve e per un futuro in cui il Pilo tornerà il main stage degli eventi targati King of the Pilo”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI