BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fonderia Augusta, getti fusi fino a 2,5 tonnellate in oltre 300 leghe d’acciaio fotogallery

Fondata nel 1970 ad Almè, l'azienda che sette anni dopo si è trasferita e stabilita a Costa di Mezzate conta 47 dipendenti con un fatturato che tocca gli 8 milioni di euro di cui il 20% export.

“A IVS portiamo esempi di getti fusi realizzati in base a disegni dei nostri clienti. Per il settore – anticipa Lisa Molteni, communication and marketing manager Fonderia Augusta – produciamo
componenti di valvole per il controllo di tutti i fluidi quali gas, vapore, acqua, sostanze chimiche, in particolare per applicazioni in condizioni estreme e in ambienti difficili”.

Al prossimo evento internazionale dedicato agli operatori della filiera delle valvole sarà presente anche l’azienda di Costa di Mezzate.
“Fonderia Augusta, fonderia di acciaio e leghe speciali – continua Molteni – ha scelto di partecipare come espositore a IVS (Industrial Valve Summit) per rafforzare la sua presenza sul territorio e per aumentare la sua produzione, intercettando il mercato italiano e internazionale delle valvole”.

L’azienda familiare da quasi 50 anni realizza getti in acciaio e leghe speciali in molteplici geometrie e dimensioni per qualsiasi applicazione.
“Data la vicinanza alla sede della nostra azienda, IVS – continua la responsabile comunicazione aziendale – sarà anche oggetto e strumento di formazione per gli operatori del nostro reparto produttivo che avranno l’occasione di vedere le fusioni in acciaio che abbiamo prodotto, assemblate presso gli stand di alcuni clienti”.
Fonderia Augusta si è specializzata nella produzione di componenti di valvole, giranti, pompe idrauliche e supporti, lavorando su commessa per clienti principalmente nei settori di Oil & Gas, energia, navale e trasporti, fluidodinamica, industria meccanica. “I punti di forza dell’azienda – continua la responsabile comunicazione -, riconosciuti dai clienti, sono una grande flessibilità della
produzione, i tempi di consegna e la qualità delle fusioni. La nostra fonderia realizza getti fusi per un peso che va da pochi kg a 2,5 Tonnellate in oltre 300 leghe di acciaio, in diverse geometrie sulla base del disegno del cliente, il quale può ordinare anche lotti da un solo pezzo, a seconda delle caratteristiche della fusione in oggetto”.

Fondata nel 1970 ad Almè, l’azienda che sette anni dopo si è trasferita e stabilita a Costa di Mezzate conta 47 dipendenti con un fatturato che tocca gli 8 milioni di euro di cui il 20% export. Fonderia Augusta opera secondo il sistema di qualità certificato ISO 9001:2015, ha ottenuto la certificazione ambientale ISO 14001:2015 e sta ultimando il lavorando per conseguire la ISO 45001:2018 sulla sicurezza. L’azienda di Costa di Mezzate rientra nell’elenco produttori approvati Rina e Statoil ed ha diverse certificazioni di prodotto per il mondo marine, Oil&Gas e prodotti in pressione.

“Dopo gli investimenti fatti nel 2008 in tecnologia e impianti di aspirazione, grazie ai quali il nostro impianto produttivo è stato rinnovato e connesso al gestionale tramite plc e sistemi di tracking
RFID, siamo orgogliosi di essere diventati un punto di riferimento per il Politecnico di Milano che ogni anno porta circa un centinaio di studenti di Ingegneria a visitare la nostra fonderia”.

L’8 maggio scorso si è giunti alla decima edizione, con 45 studenti del corso di Tecnologia meccanica che hanno potuto per verificare sul campo le tematiche di fonderia studiate a lezione e comprendere i benefici che l’industria 4.0 può portare al processo produttivo.

Per quanto riguarda i futuri progetti dell’azienda, “giunti alla terza generazione – conclude Molteni, siamo in una fase di profondo rinnovamento. Stiamo lavorando per fornire un servizio migliore e soddisfare le crescenti esigenze del mercato, in particolare dal punto di vista del lead time e della qualità delle fusioni. Attraverso un programma di formazione, da un lato stiamo formando nuove risorse in produzione e dall’altro stiamo lavorando per acquisire le competenze per sostenere il cambiamento e offrire quello il mercato ci chiede, impegnandoci nell’esprimere il pieno potenziale delle persone e dei team di lavoro, con l’obiettivo di massimizzare produttività senza dimenticare il benessere in azienda”

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.