Quantcast
Ribolla: ci sono gay anche nella Lega; Arlati: ma tutti inchinati a Salvini - BergamoNews
Botta e risposta

Ribolla: ci sono gay anche nella Lega; Arlati: ma tutti inchinati a Salvini fotogallery video

Alberto Ribolla, deputato e consigliere comunale della Lega a Bergamo, in un'intervista parla di gay e di omofobia. A lui risponde Marco Arlati, presidente di Arcigay Bergamo Cives

Alberto Ribolla, definito da Dagospia (e non solo) sexy deputato (di Bergamo dove è anche consigliere comunale della Lega) in un’intervista rilasciata a Simone Canettieri per ”Il Messaggero”, parla di gay e di omofobia. A lui risponde Marco Arlati, presidente di Arcigay Bergamo Cives.

Ecco l’intervista

Alberto Ribolla, 34 anni di Bergamo, è un deputato della Lega in campo per i diritti dei gay.

La battaglia contro l’omofobia non è solo del M5S. Nessuno deve essere discriminato. E non siamo d’ accordo sulle adozioni.

Matrimoni gay?

No. Ma le unioni civili sì.

Ma perché nessuno della Lega ha partecipato all’iniziativa di Spadafora contro l’ omofobia?

Siamo impegnati in campagna elettorale. Non è una priorità, ma siamo nel 2019.

Quindi?

Nessun passo indietro.

I parlamentari gay nella Lega sono una decina.

L’importante è fare bene il proprio lavoro.

C’è paura nel Carroccio a far coming out?

Ma no, ciascuno vive la propria sensibilità come meglio crede. Anche tra i nostri elettori ci sono molti gay.

Dunque nessun timore a dichiararsi?

No, in passato c’ erano anche associazioni all’interno della Lega, è una questione personale e non politica».

Certo.

Ci sono tante voci che girano sulle persone. Io? Ognuno nel privato fa quello che vuole. C’ è a chi piace l’amatriciana e a chi piace la cacio e pepe.

Prego?

Sì, sono gusti personali.

E il congresso della famiglia di Verona?

Ormai è una cosa passata. Sui contenuti ognuno ha la propria idea.

Altro che Lega, lei è democristiano.

Vale la linea di Salvini.

Ed ecco la riposta di Arlati

Provo profonda tristezza, stupore e rabbia per questa intervista dell’on. Ribolla.

Nella Lega ci sono tanti omosessuali: solo in Bergamasca il numero è molto alto! Alberto e io ci conosciamo da anni e li conosciamo bene. Io personalmente perché in passato (non molto lontano) mi hanno contattato per vari motivi e li ho aiutati.

Tutti in difficoltà a darmi una motivazione vera e seria alla mia domanda “come fai a rimanere nella Lega con questa linea di Salvini che porta all’odio e all’omofobia?” ma soprattutto “come fate a stare in silenzio mentre Salvini e altri esponenti della Lega vi insultano dai palchi durante i comizi e creano un clima di odio attorno a voi?”.

Ribolla usa frasi sterili e vuote come “ognuno nel privato fa quello che vuole”. Mancava la frase “ho molti amici gay” e poi avevamo completato le frasi stereotipe di chi si arrampica sui vetri e cerca di evitare la domanda e il confronto.

Caro Ribolla, qui la questione non è cosa fa una persona nel suo privato, ma l’agire politico in ambito pubblico dei politici della Lega, che ricoprono ruoli istituzionali di alto livello che creano odio e omofobia.

Inoltre vorrei ricordare ad Alberto che il convegno di Verona NON è passato, è presente! E i danni fatti si vedono sulla pelle dei cittadini omosessuali e sulle donne, ora e in futuro. Un convegno dove la Lega ha patrocinato e autorizzato linguaggi e azioni contro i diritti civili. Capisco la volontà di provare a raccogliere tutti i voti utili ma Alberto ti garantisco che Verona non è passato, e ricordiamo tutti i messaggi d’odio e medioevali diffusi durante quell’evento.

La conclusione poi è la cosa più triste è drammatica di tutta l’intervista: siete tutti inchinati a Salvini, avendo paura di perdere il posto. La tua frase finale distrugge qualsiasi frase di apertura o tentativo di mostrare una lega non omofobica che personalmente, credo che sia realmente così alla base, ma poi tutti zitti dietro alle affermazioni di Salvini.

Un’intervista triste che ha mostrato un’altra faccia della Lega sicuramente, ma una faccia debole, in silenzio, sottomessa alle politiche di odio e omofobia sempre più in crescita negli ultimi mesi!

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
leggi anche
Jacopo
La testimonianza
“Bergamo Pride, noi siamo l’arcobaleno dopo la tempesta”
Bergamo Pride 2019
L'evento
Colorati, tanti, allegri: in migliaia tra le vie del centro per il Bergamo Pride
Bergamo Pride, la città si colora
La manifestazione
Mentre aumentano le violenze sugli omosessuali, Bergamo accoglie il secondo Pride
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI