Quantcast
Verso il voto, la Lista Gori scrive agli imprenditori e alle donne - BergamoNews
Bergamo

Verso il voto, la Lista Gori scrive agli imprenditori e alle donne

L'intento è quello di intercettare la fetta di popolazione che non vive con i social e che non si informa digitalmente

Ad ormai poco più di una settimana dal voto la Lista Civica Giorgio Gori Sindaco ha presentato due nuovi strumenti di comunicazione dedicati al mondo produttivo e professionale bergamasco e a tutte le donne della città con due lettere che da venerdì 17 maggio verranno inviate ai cittadini.

L’intento è quello di intercettare la fetta di popolazione che non vive con i social e che non si informa digitalmente: una lettera scritta dalle 16 candidate della Lista come azione di cura specifica verso chi, come loro, si dedica alla famiglia e al lavoro instancabilmente, quindi, dedicata a tutte le donne bergamasche: “Siano essere lavoratrici, madri, giovani, anziane, per sottolineare l’idea inclusiva e non divisa di questa lettera. Sottolineiamo quello che è stato fatto a livello locale, in controtendenza a quello nazionale”, ha dichiarato Loredana Poli, capolista donna della Lista.

La seconda lettera, invece, è dedicata a tutti i professionisti, uomini o donne di qualsiasi settore: “Per una città che non si ferma mai, mentre in Italia i cantiere si bloccano. Continuiamo a dare vita ad una città che vuole distribuire ricchezza, creare reddito e lavoro, stando vicino alle persone”, ha affermato Diego (detto Robi) Amaddeo, alter ego di Poli nella lista.

A fianco di questo lavoro, il Coordinatore della squadra Niccolò Carretta, Consigliere Regionale e membro della Commissione Casa in Regione Lombardia ha iniziato, insieme a tutti i candidati e con l’appoggio del sindaco uscente, una battaglia negli alloggi gestiti da ALER in bergamasca.

“Settimana scorsa ho presentato una mozione dedicata a tutti gli inquilini delle case popolari della nostra città, ma la Giunta regionale e la Lega non si sono degnati nemmeno di rispondermi: per questo, rammaricato e arrabbiato, ho deciso che, insieme ai 32 candidati dei vari quartieri, racconterò cosa è successo in Aula a tutti gli inquilini perché crediamo sia giusto stare dalla parte dei più fragili e delle periferie, non solo a parole”, ha concluso Carretta.

QUI LA LETTERA SCRITTA DALLE DONNE DELLA LISTA

QUI LA LETTERA SCRITTA AGLI IMPRENDITORI

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI