Villa d'Adda, tentato omicidio in auto: fermato un 26enne - BergamoNews
Le indagini

Villa d’Adda, tentato omicidio in auto: fermato un 26enne

Rintracciato dai carabinieri a Calusco. Il 19enne ferito è sempre ricoverato in prognosi riservata

Un 26enne magrebino è in stato di fermo per il tentato omicidio di un suo connazionale 19enne martedì sera a Villa d’Adda. Il presunto responsabile è stato rintracciato mercoledì a Calusco d’Adda dai carabinieri della locale stazione.

La dinamica di quello che è successo in via Delle Industrie è ancora al vaglio degli inquirenti. Secondo quanto ricostruito, intorno alle 21.40 i due stranieri avrebbero avuto un acceso litigio all’interno di una Bmw Serie. All’improvviso il 26enne avrebbe estratto una pistola e avrebbe esploso un colpo contro il 19enne, in Italia da pochi mesi, colpendolo al volto.

Il 26enne è sceso dalla vettura ed è scappato a piedi, fino a mercoledì quando i carabinieri l’hanno trovato. Interrogato, ha respinto tutte le accuse, anche se gli elementi a suo carico sarebbero diversi.

Il 19enne, abbandonato ferito all’interno dell’abitacolo, proprio in mezzo alla carreggiata, è sempre ricoverato in prognosi riservata e in condizioni stabili.

Resta da chiarire il movente dell’animata discussione che ha preceduto il colpo di pistola. La pista privilegiata rimane lo spaccio di sostanze stupefacenti.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it