BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sanpellegrino in crescita del 6% nel 2018, iniziati i lavori per la Flagship Factory

L’export traina la crescita nel 2018, con un fatturato chiuso a 928 milioni di euro, in crescita del 4% rispetto all’anno precedente

“Siamo particolarmente orgogliosi dei risultati raggiunti dalla nostra famosa acqua con la stella rossa che quest’anno celebra 120 anni di storia, un successo tutto italiano, simbolo del nostro modo di fare impresa”. Commenta così Federico Sarzi Braga, presidente ed amministratore delegato del Gruppo Sanpellegrino, i risultati positivi relativi alla chiusura del bilancio 2018, con un fatturato di 928 milioni di euro ed un incremento del 4% rispetto all’anno precedente.

Un risultato raggiunto in particolare attraverso l’export, dove nel 2018 Sanpellegrino ha registrato un giro d’affari di 529 milioni di euro sui mercati internazionali, con un incremento dell’8% rispetto al 2017, e con picchi del 25% nel Regno Unito, del 19% in Francia e del 18% in Germania e in Cina. Primo Paese in ordine di importanza sono gli Stati Uniti, con una crescita del 12% rispetto al 2017.

In Italia vengono confermati i valori del 2017, con un fatturato di 400 milioni di euro per l’intero Gruppo: i brand S. Pellegrino e Acqua Panna hanno registrato complessivamente un incremento del 3% a volume, mentre i brand Levissima e Nestlé Vera si sono attestati sui volumi del 2017. In particolare, Sarzi Braga sottolinea anche lo sviluppo di Acqua Panna per l’anno in corso: “nel 2019 svilupperemo ulteriormente anche Acqua Panna, avviando un piano di investimenti per sostenere il business nei prossimi anni e dare uno slancio ancora più forte all’internazionalizzazione di un brand che ha superato i 300 milioni di bottiglie vendute nel mondo”.

Risultati del Gruppo Sanpellegrino che vanno di pari passo con lo sviluppo del progetto Flagship Factory per lo stabilimento di Ruspino, con i lavori (iniziati questa settimana) per la costruzione della nuova area di sosta multipiano che sorgerà all’interno della superficie dello stabilimento attualmente utilizzata per il posteggio degli automezzi.

“L’area di sosta multipiano, progettata con una tecnologia innovativa dallo studio internazionale BIG, guidato dal celebre architetto danese Bjarke Ingels, sarà una struttura iconica, aperta e trasparente, unica al mondo e pioniera di una nuova concezione di parcheggio, studiata per inserirsi in maniera armonica nel paesaggio. Sarà caratterizzata da una cifra stilistica e da uno stile architettonico che si ispirano agli elementi peculiari della bassa val Brembana, il fiume, gli archi e i filari alberati. La ripetizione regolare e prospettica degli archi, tipica degli edifici e delle infrastrutture locali sono state scelte, dall’Archistar danese, come elemento architettonico per far dialogare in maniera armonica la nuova struttura con il paesaggio circostante”.

san pellegrino

Grazie alla concezione innovativa di progettare gli spazi, applicata dallo Studio BIG all’area di sosta, il progetto ha ricevuto una valutazione paesaggistica positiva dalla Soprintendenza belle arti e paesaggio durante le conferenze dei servizi della procedura SUAP attivata presso il comune di Zogno. La nuova area di sosta sarà collegata con la statale (ex SS470) da un nuovo un ponte sul Brembo che consentirà di ridurre sensibilmente il traffico dei mezzi di trasporto che attraversa il Comune di San Pellegrino Terme. Confermata anche la realizzazione, a spese del Gruppo Sanpellegrino, di una rotatoria a monte del Ponte di Ambria per collegare con una strada d’accesso lo stabilimento al nuovo ponte.

“Si tratta di una delle prime opere costruttive del cantiere della Flagship Factory, voluta da Sanpellegrino per sostenere il business dell’azienda nei prossimi anni e per trasformare il sito produttivo di San Pellegrino Terme nel biglietto da visita del Gruppo, con l’obiettivo di accogliere visitatori da tutto il mondo e promuovere, ancora di più, il territorio d’origine dell’acqua S.Pellegrino, contribuendo anche a rendere la Valle Brembana più attrattiva dal punto di vista turistico”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.