BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Azione, emozione, rifessione e denuncia: “Les Miserables”

Tratto da una storia vera, il secondo film in concorso è ambientato nella zona parigina di Montfermeuil, proprio quella in cui si muovono i protagonisti del famoso romanzo di Victor Hugo che dà origine al titolo della pellicola

Più informazioni su

LES MISERABLES, regia di Ladj Ly, con Damien Bonnard, Alexis Manenti, Djebril Zonga, Steve Tientcheu (France)

Azione, emozione, rifessione e denuncia in un film che ingaggia lo spettatore dal primo istante fino alla fine. Tratto da una storia vera, il secondo film in concorso è ambientato nella zona parigina di Montfermeuil, proprio quella in cui si muovono i protagonisti del famoso romanzo di Victor Hugo che dà origine al titolo della pellicola.

Qui troviamo oggi una “polveriera sociale” con fortissime tensioni tra diversi gruppi etnici e religiosi che si contendono traffici e potere, e tra loro e le forze dell’ordine. Il film ruota attorno a tre poliziotti della brigata anticrimine, due veterani e uno nuovo, un “campagnard” che viene da fuori e si trova esposto ai duri metodi dei colleghi cui non è abituato. Nel film il dramma va in crescendo, attraverso il pattugliamento conosciamo i personaggi del quartiere, le dinamiche che lo attraversano, le personalità dei tre poliziotti e il loro rapporto. Il ritmo è costante, la sceneggiatura nervosa, vivace, tagliente, i primi piani ravvicinati si alternano a riprese aeree. Geniale infatti l’idea di rendere un particolare che appartiene alla narrazione – un ragazzino si diverte ad azionare un drone dal tetto di un caseggiato per filmare le sue coetanee – e che diverrà cruciale nello sviluppo drammatico, come mezzo tecnico per guardare dall’alto con occhio asettico questo microcosmo.

Durante un’azione per fermare Issa, un ragazzino colpevole d’aver rubato un cucciolo di leone al circo, la situazione degenera e uno dei poliziotti lo ferisce gravemente. L’azione è filmata proprio dal drone e questo mette in pericolo il poliziotto. Da qui l’escalation del dramma, sapientemente dosato dall’autore che non dimentica di tenerci legati al quotidiano evitando di farne un mero film d’azione. Non mancano infatti momenti di grande intensità dove, con una sceneggiatura asciutta ed efficace, si approfondiscono le relazioni e i temi umani che fanno di questo film un testo eccezionalmente valido. Interpretato molto bene da tutti e in particolare da Damien Bonnard.

Il film si apre con una folla variopinta e multirazziale, mortaretti e fumogeni per festeggiare la vittoria dei Mondiali di calcio, sullo sfondo l’Arco diTrionfo; si chiude con ben altri fumogeni e botti.

Chi sono “I miserabili”? I poveri, con giornate e orizzonti ristretti dalla necessità di arrangiarsi per sopravvivere, e dunque tutti i gruppi che vivono in questo rione – i gitani, i fratelli musulmani, i protettori, le prostitute nigeriane, gli spacciatori, i giovanissimi ladri? Oppure i poliziotti che pure devono sbarcare il lunario e hanno famiglia, problemi, svolgono una professione difficile in un ambiente difficile e abusano del loro potere? Che cosa è più miserabile: la povertà o la bassezza d’animo? E come nasce la bassezza d’animo?

Quando il film si spegne sul viso contuso e trasfigurato di Issa è la citazione di Hugo a darci la risposta: “Mes amis, retenez ceci, il n’y a ni mauvaises herbes ni mauvais hommes. Il n’y a que de mauvais cultivateurs. / Ricordate amici, non ci sono né erbe cattive, né persone cattive, ma solo cattivi coltivatori”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.