BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Simone Rizzoli vuol portare i 5Stelle in consiglio a Romano: “E con la Lega nessuna alleanza”

Ha idee di sinistra che non ha nessuna intenzione di nascondere (alla presentazione della lista ha perfino citato Antonio Gramsci) e che si scontrano profondamente con le visioni del Carroccio

Simone Rizzoli, in corsa a Romano di Lombardia per il Movimento 5 stelle, si può considerare un candidato atipico. Nell’era in cui tutto passa dai social e viene pensato per i social, lui si tiene a debita distanza dai vari Facebook, Instagram, Twitter: “La gente io preferisco incontrarla – spiega -, preferisco guardarla negli occhi mentre ci parlo. Sarà così anche se diventerò sindaco. La pagina che mi rappresenta su Facebook è stata aperta da un collaboratore, ma verrà chiusa appena finite le elezioni”.

Professione insegnante, classe 1978, Rizzoli abita a Romano da sempre. Ha una compagna e una figlia di due anni.

Non condanna tutto quello che il sindaco uscente Nicoli e la sua Giunta hanno fatto negli ultimi cinque anni, “ma – puntualizza – il lavoro da fare per questo paese è comunque tanto”. Di certo, in vista di un possibile ballottaggio dopo il primo turno, ha le idee ben chiare su come si comporterà se non dovesse essere tra i due sfidanti finali: “Non darò nessuna indicazione di voto – spiega – e non farò nessuna alleanza con la Lega”.

Rizzoli, infatti, ha idee di sinistra che non ha nessuna intenzione di nascondere (alla presentazione della lista ha perfino citato Antonio Gramsci) e che si scontrano profondamente con le visioni del Carroccio. Soprattutto in un paese come Romano di Lombardia dove la popolazione straniera supera il 20%: “L’integrazione per me è un aspetto fondamentale – commenta il candidato dei 5Stelle -, non a caso in lista con me ci sono un indiano che vive qua da trent’anni e un tunisino. Mi piacerebbe che loro possano fare da ‘ponte’ tra il mio gruppo e tutti gli stranieri che abitano a Romano”.

Integrazione in questo caso non riguarda solo i cittadini extracomunitari. Perché Romano di Lombardia è un paese storicamente diviso in due quartieri ideali: i centrali che abitano intorno alla chiesa e i cappuccini che risiedono nella zona della stazione. “Trovo assurdo ci sia ancora questa divisione che, ahinoi, esiste praticamente da sempre – spiega Rizzoli -. Mi piacerebbe lavorare, parlare, coinvolgere tutti, far capire che Romano di Lombardia è un paese solo, aperto a tutti. I miei avversari hanno aperto sedi elettorali da una parte e dall’altra, io invece no perché per me esiste un solo paese”.

Mov 5 Stelle

Rizzoli è iscritto al Movimento 5 stelle dal 2013: “Ho scelto di farlo perché sposavo gran parte delle loro battaglie – racconta -. Su tutte quella del Reddito di cittadinanza: a Romano lo ricevono più di 300 famiglie che, di fatto, vivono in povertà. Se sarò eletto sindaco lavorerò soprattutto per loro, perché le istituzioni devono esserci prima di tutto per queste persone che sono seriamente in difficoltà, italiane o straniere che siano”.

“I primi problemi che risolverei se fossi primo cittadino di Romano? Partirei dai parcheggi: in centro metterei il disco orario senza il pagamento, non si può far cassa col portafogli di chi arriva in paese per consumare nei nostri bar o per comprare nei nostri negozi. Poi – continua Rizzoli – vorrei lavorare sulla raccolta differenziata, introducendo quella dei pannolini dei bambini e dei pannoloni degli anziani. E vorrei proporre le macchinette cosiddette mangiaplastica, quelle che in cambio di rifiuti di plastica danno ai cittadini buoni acquisto: col mio gruppo ci siamo già informati e posso assicurarvi che hanno costi più che accessibili per un comune come il nostro”.

Rizzoli, poi, ha un desiderio: “Cambiare gli orari dei consigli comunali. È assurdo – spiega – che vengano convocati alle 14 di un giorno lavorativo o alle 18 del venerdì sera, così non si incentiva la partecipazione attiva dei cittadini, anche di quelli che vorrebbero esserci. Io, poi, proporrò per lo streaming, così che tutti possano seguire ogni seduta”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.