I sindaci Pergreffi, Locatelli e Moriggi difendono la comandante della polizia locale di Azzano - BergamoNews
La polemica

I sindaci Pergreffi, Locatelli e Moriggi difendono la comandante della polizia locale di Azzano

La parlamentare e primo cittadino Pergreffi, insieme ai sindaci Locatelli e Moriggi: "Come sindaci non possiamo che affermare la correttezza dimostrata"

I sindaci Simona Pergreffi di Azzano San Paolo, Luigi Locatelli di Zanica e Ivan Moriggi di Comun Nuovo in merito alle notizie apparse sulla stampa locale riguardanti l’esposto del candidato sindaco Alberto Candellero (leggi) contro la comandante della polizia locale Silvia Paladini (che ha sanzionato alcune foto elettorali non a norma) ritengono doveroso fare delle precisazioni.

“Nell’esposto depositato in Procura dal signor Alberto Candellero – dichiarano i sindaci Pergreffi, Locatelli e Moriggi – si metterebbe in dubbio la correttezza della comandante Paladini in ordine ad atteggiamenti diversificati nei confronti dei candidati, di cui non abbiamo riscontro”.

“Possiamo invece affermare che la Comandante ha illustrato in alcuni incontri le norme elettorali e ha consegnato loro le note della prefettura. Come sindaci non possiamo che affermare la correttezza dimostrata nello specifico e se sono state elevate delle sanzioni per avere contravvenuto alla normativa, peraltro nota proprio perchè divulgata, non possiamo che prenderne atto, confermando la nostra stima e piena fiducia nella comandante”.

 

leggi anche
  • Ad azzano
    Candidato sindaco contro la vigilessa “inflessibile”: esposto in procura
    Candellero Azzano
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it