BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Corsa in montagna, a Saluzzo l’Atletica Valle Brembana conquista il titolo italiano a staffetta

La formazione composta da Nadir Cavagna, Pietro Sonzogni e Francesco Putti ha completato la prova in 1h16’05” davanti alla Corrintime e all’Atletica Valli Bergamasche

Si tinge di tricolore il cielo di Saluzzo per l’Atletica Valle Brembana che nel pomeriggio di domenica 12 maggio ha conquistato il Campionato italiano a staffetta di corsa in montagna.

La formazione di Zogno, composta da Nadir Cavagna, Pietro Sonzogni e Francesco Puppi, ha completato il percorso con il tempo di 1h16’07” davanti ai campioni in carica della Corrintime e al terzetto dell’Atletica Valli Bergamasche.

Grazie a una veloce partenza, Nadir Cavagna è riuscito a guadagnare subito un buon vantaggio che gli ha permesso di distanziare di oltre 20 secondi Martin Dematteis e di cedere saldamente al comando il testimone a Pietro Sonzogni che, dopo aver subito nella parte più difficile del tracciato la rimonta di Henri Aymonod e Alessandro Rambaldini, in discesa è riuscito a distanziare nuovamente gli avversari e a concludere in testa la propria frazione.

Nel finale da segnalare un’ottima prestazione di Francesco Puppi che ha permesso all’atleta comasco di consolidare il distacco accumulato e di tagliare così il traguardo con 1’03” su Bernard Dematteis e 1’57” su Xavier Chevrier.

“Siamo felici, è il coronamento di un sogno per noi. Complimenti a tutti gli avversari. Sono contento di essere riuscito a portare da subito in testa i miei compagni e grande merito a Sonzogni, il novellino della corsa in montagna, che ha fatto un’ottima prova – confessa al traguardo Nadir Cavagna, a cui si aggiungono le parole di Francesco Puppi -. “Saluzzo è davvero un bel percorso, insolito per noi visto lo spazio cittadino. Bello avere in cima sulla collina davvero tanto pubblico che ci sosteneva. Quest’anno abbiamo ottenuto quel successo che tanto abbiamo inseguito. Voglio ringraziare anche il nostro compagno di club Alex Baldaccini che non ha potuto correre ma era qui con noi a sostenerci”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.