BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ancora spari a una gatta: proiettile nella mascella e un occhio fuori dall’orbita

Il caso risale alla scorsa settimana: caccia all'autore dell'agguato che rischia un'accusa per animalicidio, i proprietari fanno affidamento sui concittadini.

Più informazioni su

Un proiettile conficcato nella mascella, un occhio arrossato e fuori dall’orbita: vittima dell’agguato, ancora una volta, una gatta nella zona di San Paolo d’Argon.

Il caso risale alla serata di martedì 7 maggio quando la felina, allontanatasi da casa in via Puccini presumibilmente attorno alle 18, è rientrata qualche ora dopo sofferente e con evidenti ferite: i proprietari hanno subito contattato il veterinario di fiducia, inviando le terribili foto delle sue condizioni e portandola poi d’urgenza in clinica.

La gatta ha subito un forte trauma ma, in un primo momento, nessuno si era accorto del proiettile rimasto incastrato in profondità nella mascella: solo durante l’operazione, svolta immediatamente nella notte tra martedì e mercoledì, il veterinario si è accorto dell’ematoma in bocca e con una radiografia ha potuto constatare la presenza del corpo estraneo.

Non è stato lo sparo, però, a causare la fuoriuscita dell’occhio dall’orbita, bensì un forte trauma subito dall’animale in circostanze ancora poco chiare: se il proiettile avesse colpito poco più in alto, infatti, avrebbe causato un danno irreparabile alla vista.

L’operazione, perfettamente riuscita, ha permesso invece di riposizionare l’occhio ma ora è partita la difficile caccia al colpevole che rischia un’accusa per animalicidio, reato previsto e punito dall’articolo 544 bis del Codice Penale con la reclusione in carcere da un minimo di quattro mesi a un massimo di due anni.

Per questo i proprietari chiedono l’aiuto dei residenti della zona o di chiunque possa aver notato qualcosa tra le 18 e le 22 di martedì 7 maggio: eventuali segnalazioni possono essere inoltrate all’Enpa di Bergamo (035301764) che tramite il suo ufficio legale si sta occupando della questione.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.