BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tiro a volo paralimpico, il bergamasco Omar Radaelli è campione italiano

Il portacolori del Tav Cieli Aperti di Cologno Al Serio si è cucito sul petto il tricolore dedicato ai tiratori in carrozzina con 31 centri nel corso della finale.

Più informazioni su

È stato ancora il Trap Concaverde di Lonato del Garda, annoverato tra i migliori centri al mondo del tiro a volo internazionale, a far da anfiteatro, in questo fine settimana, alle grandi manifestazioni del Para Trap, il tiro a volo paralimpico.

Questa volta, ad andare in scena, sono stati sia il Campionato italiano 2019 (che si è concluso sabato) – che il Gran Premio Internazionale Para Trap, giunto alla nona edizione, entrambi rivolti ai disabili delle qualifiche PT-1 (in carrozzina), PT- 2 (disabilità arti inferiori) e PT- 3, per quanto concerne le disabilità degli arti superiori.

Grande soddisfazione per la Fitav Lombardia che sabato 11 maggio, nel corso della prima fase di questo doppio appuntamento, quello riservato alla gara valida per la conquista dei 3 titoli tricolore in palio, ha visto fregiarsi del titolo italiano degli SG-S, ovvero quello i tiratori in carrozzina, il bergamasco Omar Radaelli.

Il portacolori del Tav Cieli Aperti di Cologno Al Serio Omar Radaelli, è entrato nella finale ristretta ai migliori 6 tiratori della classifica dopo i 125 lanci di qualificazione con il punteggio di 97/125+2, ovvero la quinta posizione prima della finale effettuata come da regolamentazione della World Shooting Para Sport.

Con 31 centri fatti registrare nel corso della finale, Radaelli si è cucito sul petto lo scudetto tricolore battendo nell’ordine il pesarese Davide Fedrigucci (101/125+28) del Tav San Martino e l’alfiere sardo del Tav Villasor Gian Luigi Dessì, bronzo con il punteggio di 93/125+23.

Nella qualifica PT-2, a conquistare il titolo tricolore è stato il gettonatissimo tiratore toscano di origini siciliane di Forte dei Marmi Saverio Cuciti del Tav Pisa, oro in Coppa del Mondo nel 2017, con lo score di 117/125+43, seguito dal messinese, campione italiano nel 2016 del Tav Castanea Massimo Lanza con 113/125+39 mentre a salire sul terzo gradino del podio è stato l’aostano Danilo Palamini con 107/125+30.

Passiamo alla classe PT-3, dove a salire sul gradino più alto, con tanto di scudetto tricolore da festeggiare, è stato Francesco Nespeca, grande favorito fin dalla vigilia.

Nespeca, esponente marchigiano di San Benedetto del Tronto del G.S. Carabinieri, iridato nel 2018 a Lonato del Garda, con il suo 111/125+43, ha battuto in finale il tiratore bresciano del Trap Concaverde Roberto Cucinotta, argento con lo score di 106/125+35, con in terza posizione il ravvennate del Tav Conselice, Mirko Cafaggi, già campione italiano nella passata stagione, che ha chiuso la gara con il punteggio di 102/125+26.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.