• Abbonati
Treviglio

Rap e pallanuoto: le passioni di Gabriele, morto in bici a 15 anni

Il giovane era portiere della squadra locale: "La tua scomparsa lascerà un vuoto incolmabile in tutti noi"

Era amante della musica, in particolare del genere rap, tanto da spingerlo ad aprire un profilo Instagram sul quale avrebbe caricato le “cover” di canzoni famose. Ma Gabriele Raffa era anche un grande sportivo. Fin da bambino, infatti, aveva militato nella Treviglio Pallanuoto, formazione locale di pallanuoto dove il 15enne, investito domenica 5 maggio in sella alla sua bicicletta, ricopriva il ruolo di portiere.

Purtroppo, dopo giorni di agonia, è spirato nel letto dell’ospedale Niguarda di Milano, dov’era ricoverato dalla sera del tragico incidente, mentre cercava di attraversare un tratto di strada sulla Sp 472 tra Treviglio e Casirate d’Adda (leggi qui).

“Ciao RaffaTutti in piscina ti chiamavano così, era già un bel soprannome quello, non serviva altro. Ti abbiamo visto crescere in questi anni, sei diventato amico di tutti e, con quel tuo animo buono e un po’ timido, hai saputo farti voler bene da tutti – recita il messaggio che la società ha scritto sui social in memoria del giovane -. Inutile dirti che ti porteremo sempre nel cuore, la tua scomparsa lascerà un vuoto incolmabile in tutti noi, che difficilmente si riempirà. Ci proveremo aggrappandoci ai bellissimi ricordi che abbiamo di te, alle tantissime partite giocate insieme, alle avventure vissute nei campi estivi e agli innumerevoli allenamenti che abbiamo condiviso. Non ti dimenticheremo mai, sei e resterai per sempre il nostro numero 1 preferito”.

Le condizioni di Gabriele erano parse sin da subito disperate, ma la speranza non ha mai abbandonato la famiglia. Solo un giorno prima del decesso, infatti, la sorella Valeria ringraziava sui social tutte le persone vicine al ragazzo in quelle drammatiche ore.

Il giovane, che avrebbe compiuto 16 anni a luglio, frequentava il Liceo Don Milani di Romano di Lombardia e viveva in un appartamento nel quartiere nord di Treviglio, nelle immediate vicinanze di via Padova, con il padre Franco, la madre Silde e la sorella poco più che ventenne.

La salma di Gabriele è tornata a Treviglio nella notte tra giovedi 9 e venerdì 10, mentre la camera ardente è stata allestita all’interno dell’abitazione della famiglia, che ha acconsentito al prelievo degli organi. Da fissare la data dei funerali.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
Più informazioni
leggi anche
Gabriele Raffa
Giovedì mattina
Non ce l’ha fatta il ragazzino investito in bici a Treviglio: è morto al Niguarda
incidente variante treviglio
La polemica
Grave 16enne investito in bici a Treviglio, Rossoni: “Quella strada non è sicura”
Juri Imeri
Treviglio
Grave 16enne investito in bici, il sindaco dopo le polemiche: “Strumentalizzazione assurda”
Gabriele Raffa
Oggi i funerali
Morto in bici a 15 anni, i compagni di scuola: “Ciao Gabri, ci vediamo in un posto migliore”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI