Canonica, alle elezioni scende in campo il comandante di Polizia Locale a Romano - BergamoNews
Verso il voto

Canonica, alle elezioni scende in campo il comandante di Polizia Locale a Romano

Ufficialmente non tra i 12 candidati della lista Pirotta, sarà eventualmente nominato assessore esterno

Per Arcangelo Di Nardo, 51 anni, residente a Canonica d’Adda, è la prima esperienza in politica. Ma dall’altra parte vanta un curriculum con oltre 25 anni di servizio in Polizia. Prima a Cologno al Serio, poi a Bergamo. E, da nove anni, stabilmente alla guida della Municipale di Romano.

Nel programma di Graziano Pirotta – tra i punti principali l’eliminazione dei parcheggi a pagamento, il ripensamento della viabilità cittadina, l’alleggerimento del traffico, la lotta all’inquinamento – il vero cavallo di battaglia sarà quello legato a commercio e sicurezza. Ed è qui che, in caso di vittoria delle elezioni, entrerà in gioco Di Nardo, che non figura ufficialmente tra i dodici candidati e che sarà eventualmente nominato assessore esterno.

“Ho conosciuto Pirotta il giorno del mio matrimonio. È lui che mi ha sposato quando era sindaco di Canonica – racconta Di Nardo -. Da quel giorno è nato un profondo rapporto di stima che è durato nel tempo. Quest’anno Pirotta mi ha contattato, chiedendomi se fossi disposto a collaborare con lui per aiutare la nostra cittadina. Dopo aver visto le sue idee, i suoi programmi e la sua squadra ho deciso di accettare”.

Attorno a Di Nardo, sempre in caso di vittoria alle urne, sarà creato un assessorato ad-hoc: Protezione civile e sicurezza sociale, viabilità e commercio. Tra le proposte ideate dal comandate la creazione di un corpo di Polizia sovracomunale con le realtà limitrofe.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it