BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Accademia dello sport

Informazione Pubblicitaria

Accademia dello sport, al via la nuova edizione del Tennis nel nome della solidarietà

Presentata in Provincia la 43esima edizione del Tennis. Il via il 16 maggio da Cividino nel nome della Solidarietà.

Da un campo incolto ad una distesa di girasoli, ognuno dei quali rappresenta le tantissime associazioni aiutate nel corso degli anni dall’Accademia dello Sport per la Solidarietà. La presentazione della 43esima edizione del torneo di Tennis si apre con questa immagine e il lungo elenco di enti o gruppi solidali aiutati dal 2002 ad oggi per una beneficenza che ha permesso di donare ben 1 milione e 400 mila euro in questi anni.

La sala consiliare della Provincia di Bergamo di via Tasso, gremita in ogni ordine di posto, ha ospitato in mattinata la presentazione ufficiale della manifestazione che si terrà al campo Mongodi di Cividino di Castelli Calepio da giovedì 16 maggio a giovedì 6 giugno e si concluderà con il Gran Galà alla Fiera di Bergamo venerdì 7 giugno nel corso del quale saranno consegnati i Golden Vip.

Tantissime le autorità del mondo della politica, dello sport e dell’imprenditoria presenti alla cerimonia che ha sempre segnato un evento fisso alla vigilia dei match sui campi da tennis. Il primo a prendere parola è stato Giovanni Licini, infaticabile organizzatore che sta lavorando insieme ai propri collaboratori da mesi per preparare al meglio ogni particolare.

“Dal 2002 il nostro torneo ha cambiato identità, da semplice competizione agonistico-sportiva, è diventato un evento solidale, che vede la partecipazione di questi sportivi per il desiderio di essere presenti e con la loro presenza diventare anche dono – ha affermato Licini. Abbiamo donato 1.400.000 euro in questi anni, ad associazioni ed enti del nostro territorio, con la gioia di toccare con mano e veder crescere nel tempo i frutti della Solidarietà. Quest’anno la copertina del nostro volume, non rappresenta capolavori d’arte, ma un capolavoro della natura: un campo di girasoli. Il 24 febbraio, al Teatro Creberg di Bergamo, avevamo organizzato l’ufficialità delle donazioni 2018 e, come apertura del video avevamo illustrato, tramite il germogliare di un Girasole, le tante realtà aiutate in questi ultimi anni. Uno dopo l’altro sono nati e fioriti e continuano ad aumentare: questa è l’immagine di ciò che è stato da noi realizzato, un intero campo di girasoli.

Il terreno fertile è l’animo dei bergamaschi, il buon fertilizzante i tanti amici sponsor, la cura del campo i volontari dell’Accademia e il buon Dio che miscela il tutto, questi i primi segreti di un continuo germogliare. Nuovi allestimenti, nuove strategie organizzative e promozionali con sempre maggiore attenzione verso gli sponsor grazie al supporto di nuove infrastrutture organizzative evidenziati in nuovi tabelloni luminosi saranno le novità del 2019”.

Un appuntamento sempre sentito a ricordo di grandi figure dello sport bergamasco, che sono al centro del torneo dell’Accademia: Achille e Cesare Bortolotti, Giacinto Facchetti, Franco Morotti e anche personaggi del calibro di Ivan Ruggeri, Emiliano Mondonico e Mino Favini sempre al nostro fianco fin dai primi anni. Nel corso della mattinata è stato ricordato il dono arrivato da Amatrice dalle famiglie aiutate dall’Accademia nel post terremoto, una maglietta per il gruppo di volontari con la frase tratta da una canzone di Gianni Morandi “Grazie, perché anche lontano tendo la mano”

A fare gli onori di casa è stato il presidente della Provincia di Bergamo Gianfranco Gafforelli. “Siamo lieti di ospitarvi e consapevoli che è una felice tradizione la partenza della manifestazione proprio da questa sala. E’ un torneo sempre più sentito, immancabile per gli amanti dello sport e soprattutto per i principi che sa trasmettere, come l’attenzione per chi si trova nel momento del bisogno. Organizzare un torneo per più di 40 anni è sintomo di bravura e determinazione, avete aiutato tantissimi enti, il connubio tra sport e solidarietà continua ad essere una formula vincente, sfidarsi per fare del bene”

“Ammiro tutti coloro che lavorano al fianco dell’Accademia –sono state le parole di Angelo Piazzoli, segretario generale della Fondazione Credito Bergamasco-, e per tutti gli imprenditori che in momenti così difficili non disdegnano l’impegno nel sostegno sociale. In Italia si parla di individualismo estremo, poi ci sono fenomeni come questi che ci fanno ricredere. Il nostro Golden Vip è per la ricerca scientifica assegnato ad un grande scienziato che dedica tempo e passione alla ricerca di nuove strategie sull’utilizzo e applicazione delle cellule staminali”.

Presente alla cerimonia anche l’assessore allo sport e giovani della Regione Lombardia Martina Cambiaghi. “Il vostro è un grande risultato frutto dell’impegno e della passione nel portare avanti questa tradizione. Lo sport serve per aiutare le persone e riuscire a donare in beneficenza una simile cifra è un risultato straordinario. Ancora una volta Bergamo è attenta e laboriosa, è al centro dell’attività sportiva in favore del prossimo, ci auspichiamo che in tutta la Lombardia possano nascere realtà simili all’Accademia”.

Presenza costante al fianco dell’Accademia dello Sport per la Solidarietà monsignor Giulio della Vite, segretario generale della Curia Vescovile, che ha esordito citando Don Bepo Vavassori con un detto bergamasco.

“Viviamo in una società in cui tutti vogliono i frutti e li pretendono, ma pochi vogliono essere la pianta: se non si è piantato nella maniera giusta i frutti non arrivano, voi invece sfidate la realtà di ogni giorno nell’essere pianta, una pianta sempre più larga che impollina tutta la società”

In rappresentanza dell’Accademia dello Sport e del suo direttivo erano presenti il presidente Alessandro Masera e i consiglieri Cristina Radici ed Ezio Chiesa. Fervono quindi i preparativi a Cividino, pronta ad ospitare tantissimi sportivi, ancora in attività e non, personaggi legati al mondo dello sci, del calcio, dello spettacolo con Striscia la Notizia in prima fila e tutti gli amici sponsor vicini alle sue attività solidali.

In palio ci saranno il 28° Trofeo Achille Cesare Bortolotti (doppio-Maschile), il 13° Trofeo Giacinto Facchetti( singolare cat. A), il 6° Torneo Franco Morotti (singolare B), la Coppa A.S.C. (doppio misto) e la Coppa Banca Mediolanum (competizione a squadre). Il Torneo di Tennis quest’anno darà anche l’opportunità di apprezzare le arti culinarie, grazie al Catering Longhi Banqueting di San Paolo d’Argon, con il prezioso aiuto di tantissime aziende bergamasche del settore agroalimentare, potendo degustare piatti tipici. Presenti alla conferenza nella sede della Provincia gli ex campioni dell’Atalanta Pierluigi Pizzaballa, Marino Magrin e Giuseppe Savoldi, mentre commosso è stato il ricordo di Nicola Bortolotti, figlio di Cesare e nipote di Achille, di Barbara Facchetti, figlia di Giacinto e di Laura Morotti, figlia di Franco Morotti.

“Papà è stato una delle anime che hanno spinto l’Accademia –sono le parole di Laura Morotti-. Il tempo passa, ma è bellissimo poter toccare ancora con mano l’affetto che lo circonda: lo sport e la solidarietà sono sempre stati i pilastri della sua vita”.

“Siamo fieri che il nome di nostro padre sia legato all’Accademia e il binomio sport e Solidarietà continui a dare i suoi frutti –ha affermato Barbara Facchetti-. E’ sempre un’emozione essere in un ambiente che lui ha amato molto: al torneo mio fratello Luca non mancherà”.

Nel corso del Gala finale del 7 giugno saranno premiati anche i Golden Vip 2019, i premi speciali scelti dall’Accademia dello Sport. Il premio per l’imprenditoria è andato ad Adriano Latini dell’omonimo caseificio, quello per la ricerca scientifica-Premio Fondazione Credito Bergamasco al professor Martino Introna e infine quello per lo sport alla memoria di “Luciana e Gianni Radici” al difensore dell’Atalanta Andrea Masiello. “Dopo anni giustamente dedicati allo sci abbiamo scelto l’Atalanta -sono le parole di Cristina Radici-. Andrea è un esempio: è caduto, ha sbagliato, ha pagato e si è rialzato. Nella vita tutti sbagliamo, ma lui si è fatto perdonare dando tutto quello che può per la causa nerazzurra. Il premio è alla memoria dei miei cari nonni: Andrea se lo merita sia come uomo che come giocatore e anche nell’ultima partita ha dimostrato di che pasta è fatto nel suo ruolo da difensore”.

Nel corso del 2019, infine, il Progetto Solidarietà dell’Accademia dello Sport vedrà impegnata l’associazione verso 3 realtà del territorio: l’Associazione S.O.S. Oncologia San Marco e San Pietro rappresentata dal professor Andrea D’Alessio e dal professor Giancarlo Borra, l’ A.I.P.D. Bergamo con Elisabetta Scotti e gli Amici di Samuel con Stefano Pelliccioli.

Durante la presentazione erano presenti e sono intervenuti anche Alessandro Vanoi – vicepresidente Coni Regionale, Francesco Locati – direttore ASST Bergamo Est, Giovanni Malanchini – segretario Ufficio di Presidenza Consiglio Regionale della Lombardia, Nicoletta Noris – sindaco Comune di Grumello del Monte, Davide Casati – sindaco Comune di Scanzorosciate e Gigi Terzi, delegato Fit della provincia di Bergamo.

L’Accademia dello Sport per la Solidarietà ringrazia per la collaborazione duratura negli anni il Gruppo Alpini Quintano Cividino, il Gruppo Alpini di Celadina appena gemellato con l’Accademia, l’ Associazione Nazionale Carabinieri in congedo Nassiria, i volontari Croce Blu del Basso Sebino Sarnico e l’ Istituto aeronautico Locatelli di Bergamo, con i suoi allievi che daranno assistenza tutte le sere presso il Centro sportivo Mongodi.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.