Romano, ladri di biciclette incastrati dalle telecamere: sono due minorenni - BergamoNews
L'operazione

Romano, ladri di biciclette incastrati dalle telecamere: sono due minorenni fotogallery

I due giovanissimi aveva architettato un metodo sicuro per intrufolarsi all’interno del locale, accessibile solo tramite tessera magnetica normalmente in possesso degli utilizzatori del servizio.

Ennesimo giro di vite da parte della Polizia Locale di Romano di Lombardia contro la baby gang che da qualche mese sta operando in città. Solo poche settimane fa quattro giovanissimi erano stati rintracciati dopo aver tentato di rapinare utilizzando un coltello un sessantenne di Romano, il quale si era “ribellato”, sfuggendo ai quattro aggressori e denunciando l’accaduto.

Questa volta a colpire sono stati in due, un albanese di 12 anni e un romeno di 14. I due sottraevano le biciclette “parcheggiate” dai pendolari all’interno del bike park adiacente alla stazione.

I due giovanissimi aveva architettato un metodo sicuro per intrufolarsi all’interno del locale, accessibile solo tramite tessera magnetica normalmente in possesso degli utilizzatori del servizio. I due attendevano l’ingresso di qualche pendolare per depositare la bicicletta e, all’uscita di quest’ultimo, molto velocemente si introducevano all’interno del box prima che la porta di sicurezza si chiudesse.
In questo modo i due ragazzi avevano a disposizione tutti i mezzi a due ruote presenti nella struttura, anche se i furti si sono incentrati sulle “prede” più facili: le due ruote sprovviste di catene o lucchetti di sicurezza.

Non si tratta della prima volta che a Romano avvengono furti di biciclette, ma questa volta le telecamere di sicurezza installate all’interno del bike park hanno permesso di dare un volto e soprattutto un nome a chi si era intrufolato con l’intento di fare incetta delle due ruote.

La Polizia Locale di Romano si è immediatamente messa sulle tracce dei minorenni coinvolti, segnalando il quattordicenne alla Procura della Repubblica dei Minori di Brescia. Per l’altro ragazzo, data la giovanissima età, la Legge italiana non prevede particolari pene.

“Abbiamo dato ancora un colpo alla baby gang, un po’ alla volta cerchiamo di smantellarla – ha spiegato il Comandante della Polizia Locale Arcangelo Di Nardo -. Questa volta nella nostra rete sono caduti due minori colti sul fatto mentre rubavano delle biciclette. Tra le varie attività illecite di questa banda, infatti, c’è anche il furto di biciclette, che poi vengono vendute per pochi euro. In questo senso i posti maggiormente colpiti sono l’oratorio e la Stazione. In particolare – ha aggiunto il Comandante Di Nardo – nelle vicinanze della Stazione ferroviaria c’è il bike park, a cui è possibile accedere solo tramite tessera magnetica. Questi giovani aspettavano che una persona uscisse per poi sgattaiolare all’interno dell’edificio. Grazie alle telecamere abbiamo identificato i due: il quattordicenne, residente a Bariano, è stato denunciato alla Procura dei Minori di Brescia. Il dodicenne, che vive a Romano, non è imputabile per via dell’età ma è stato comunque segnalato alla Procura e ai servizi sociali della città. Oltre all’attività repressiva verso chi viola la legge, iniziamo un percorso in cui coinvolgiamo le famiglie e i genitori: non è infatti normale che un ragazzino di quell’età sia in giro senza controllo per la città; i giovani devono essere impegnati nello studio, nello sport e in attività sociali e non a saccheggiare, minacciare o fare uso di droghe. Verso queste situazioni – conclude Di Nardo – da parte nostra ci sarà sempre il pugno duro, per combattere questi fenomeni e in particolare queste baby gang”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it