BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Candidati a confronto: ambiente al primo posto, divisi sulla Bergamo – Treviglio foto

Pochi minuti a testa per descrivere le proprie idee sui temi fondamentali per la città

Non potrebbero essere più diversi i quattro candidati sindaci per le comunali di Bergamo, forse l’unica cosa che gli accomuna sono gli occhi chiari: azzurri, tranne per Macario che ce li ha verdi.

Nicholas Anesa, Giorgio Gori, Francesco Macario e Giacomo Stucchi (presentati rigorosamente in ordine alfabetico) sono l’uno l’opposto dell’altro e al dibattito organizzato da Confindustria Bergamo l’hanno dimostrato.

Pochi minuti a testa per descrivere le proprie idee sui giovani, la situazione demografia, gli anziani e i saldi migratori. Sull’areoporto, l’università e le azioni per investimenti attività innovative. Sulle infrastrutture ferroviarie (collegamento con Orio, accessibilità del capoluogo con Teb2 e treno – tram Ponte-Montello), stradali (casello autostrada, collegamento Bergamo-Treviglio, asse interurbano) e lo scalo merci.

È sulla Bergamo – Treviglio che i quattro candidati si sono divisi. Trovando uniti Anesa e Macario che la trovano “inaccettabile e dannosa per la preservazione del verde (come sostiene Anesa)” e “inutile: se c’è già un collegamento ferroviario, perché non potenziarlo e scegliere, invece, di fare un’autostrada? A noi serve una cura del ferro (come dichiarato da Macario)”; e (sorprendentemente) insieme Gori e Stucchi a favore di quello che il candidato del centro destra definisce “un atto di coraggio che bisogna fare per i cittadini. È nostro dovere pensare da qua al 2040 accettando sfide per i collegamenti che diano risposte di lungo periodo, vale anche per T2 e la Pedemontana” e una “scelta necessaria per poter coinvolgere finalmente l’hinterland, non dimenticandosi della sostenibilità ambientale che, a differenza della mia prima candidatura, adesso occupa il primo posto del mio programma”, ha dichiarato il sindaco uscente.

L’ambiente è al centro di tutti i programmi elettorali dei candidati (“un problema etico che ci riguarda tutti”, come ha detto Macario) ed è strettamente legato all’areoporto: amato, discusso, osteggiato e fondamentali per tutti e quattro.

Tra chi, come Gori sostiene che non sia da “fermare, anche se bisogna continuare a studiare tentativi per mantenere l’equilibrio” e Stucchi che, invece, spinge per bloccare la sua crescita, eliminando, ad esempio, i voli notturni tra le 23 e le 6.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.