BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Grifal Spa approva il bilancio 2018: dividendo di 0,03 euro

L’Assemblea ordinaria di Grifal Spa ha approvato il bilancio al 31 dicembre 2018 e la distribuzione di un dividendo unitario pari ad Euro 0,03 per azione

L’Assemblea degli azionisti di Grifal Spa, azienda tecnologica e PMI innovativa quotata sull’AIM Italia, attiva nel mercato del packaging industriale, che progetta e produce imballaggi performanti innovativi ed eco-compatibili, si è riunita in data odierna ed ha provveduto ad approvare il bilancio al 31 dicembre 2018, così come proposto dal Consiglio di Amministrazione.
Il bilancio si è chiuso con un utile d’esercizio pari ad Euro 385.779.

L’Assemblea ha deliberato di destinare a Riserva Legale Euro 19.289, a Riserva Straordinaria Euro 78.410 e di distribuire ai soci un dividendo unitario pari ad Euro 0,03 per azione. La distribuzione del dividendo avverrà secondo il seguente calendario: data di stacco del dividendo 20 Maggio 2019 (ex date), data di legittimazione a percepire il dividendo 21 Maggio 2019 (record date), data di pagamento del dividendo 22 Maggio 2019 (payment date).

L’esercizio 2018, il cinquantesimo nella storia della società, si è chiuso con Ricavi per Euro 17.361 Migliaia, con un Valore della Produzione di euro 19.627 Migliaia ed con un Ebitda pari ad euro 2.209 migliaia.

Il Documento di Ammissione predisposto in occasione della quotazione al mercato AIM Italia e depositato presso Borsa Italiana S.p.A., prevedeva Ricavi per Euro 18.572 Migliaia ed un Ebitda pari ad Euro 2.435 Migliaia. Lo scostamento rispetto alla previsione per l’esercizio 2018 è principalmente riconducibile al generale rallentamento economico registrato nella seconda metà dell’anno. Le condizioni generali dell’economia hanno altresì indotto alcuni clienti della Società a ritardare il lancio di nuovi prodotti, già destinati ad essere commercializzati con le soluzioni di imballo di Grifal.

La crescita dei ricavi rispetto al 2017 è stata omogenea nelle varie classi dei prodotti esclusivi di Grifal, con un particolare incremento del peso relativo di cArtù, che è quasi triplicato, grazie al crescente interesse mostrato dalle migliori aziende utilizzatrici di imballaggi. Questo andamento riflette la rinnovata coscienza collettiva verso uno sviluppo sostenibile che spinge sempre più le aziende ad essere sensibili a questo aspetto.

I settori dai quali si sono avuti finora i migliori riscontri sono quelli dei piccoli e medi elettrodomestici e del bianco.

Andamento della Gestione

La Società procede nella strategia di crescita comunicata in sede di IPO e cioè la creazione di un network di siti di produzione e commercializzazione di imballaggi in cArtù.
cArtù è un innovativo cartone ondulato che rappresenta l’alternativa ecocompatibile al polistirolo, al poliuretano espanso e alle altre plastiche utilizzate nell’imballaggio di protezione grazie alle sue onde alte – da 7 a 20 mm – che permettono un’efficace azione ammortizzante.
La necessità di sostituire le plastiche per l’imballaggio con un’alternativa ecosostenibile e riciclabile come cArtù è sempre più evidente: il mercato del packaging (31,7 miliardi in Italia e 616 miliardi nel mondo nel 2016) cresce infatti costantemente, circa del 3% anno su anno, anche a seguito dell’aumento esponenziale delle vendite effettuate tramite il canale e-commerce.
In aprile 2018 la Società ha ottenuto il riconoscimento di PMI Innovativa ed è stata iscritta nell’apposita sezione speciale del Registro Imprese, dedicata alle Piccole e Medie Imprese caratterizzate da una forte componente innovativa.
Nel corso dell’anno, come previsto nell’ambito delle strategie riportate nel documento di ammissione, è stata costituita in Germania la società Grifal Gmbh, partecipata al 100% da Grifal Spa, con la quale si intende sviluppare il principale mercato del packaging a livello europeo e tra quelli maggiormente interessati all’introduzione di una soluzione ecocompatibile quale è cArtù.
Si è inoltre proceduto con l’acquisizione di una partecipazione del 15% in Buxkin BV, una società di diritto Olandese, attiva nel settore della correzione acustica degli ambienti, che commercializza materiali riciclati ed ecocompatibili, dal grande impatto estetico, grazie alla loro superficie ondulata, in gran parte realizzati da Grifal. Con questa partecipazione Grifal intende presidiare uno dei settori extra-packaging nei quali si sono già evidenziate alcune applicazioni per i suoi prodotti ondulati e dove si prospettano interessanti sviluppi.

Produzione

Il particolare momento di attenzione generale ai temi dello sviluppo sostenibile ha portato i nostri materiali  ed in particolare cArtù all’attenzione di grandi aziende utilizzatrici di imballaggi. Il numero e la dimensione di questi riscontri hanno indotto la Società ad anticipare lo sviluppo delle linee di produzione con particolare riguardo alla capacità produttiva. È in stato avanzato la realizzazione della prima linea cArtù basata su un’innovazione di processo che non solo triplicherà la velocità di produzione, ma ridurrà di circa un terzo il costo delle materie impiegate. Si tratta quindi di un upgrade molto importante, ma necessario per rispondere con adeguati volumi di produzione alle nuove richieste dei grandi utilizzatori di imballi, in particolare nei settori dei piccoli elettrodomestici e del bianco.

I nuovi siti produttivi del “Network Grifal” dovranno disporre da subito delle linee di produzione di nuova generazione. Il miglioramento dell’efficienza nella produzione di cArtù ci consentirà di proporre i nostri prodotti non solo come soluzioni d’imballo per gli utenti finali ma anche come materiale commodity per i produttori di scatole, ampliando in maniera importante il nostro mercato potenziale e semplificando la proposta commerciale.

I nuovi volumi di produzione richiederanno una diversa organizzazione logistica, di conseguenza è prevedibile un aumento degli spazi utilizzati con un ampliamento della sede di Cologno al Serio, tramite la locazione di un immobile adiacente alle strutture già occupate ed in fase di realizzazione.

Fatti di rilievo avvenuti dopo il 31 Dicembre 2018

Nel mese di Febbraio, cArtù, ha ricevuto una Menzione d’Onore alla 15esima edizione del grandesign Etico International Award. Il premio internazionale, che ha ricevuto il Patrocinio di Regione Lombardia, Comune di Milano, Città Metropolitana di Milano e Fondazione Symbola, viene assegnato ogni due anni ad aziende e designer che hanno saputo innovare nel design difendendo i valori dell’etica e della sostenibilità.

La giuria ha voluto riconoscere all’azienda “il suo impegno nella salvaguardia dell’ambiente, oltre al valore storico di un’azienda familiare che, dal 1969, continua a innovare, non solo nel proprio
settore”.

Nel mese di Marzo 2019 Grifal ha ottenuto la conferma del riconoscimento del Brevetto Europeo relativo al processo di produzione di cArtù. Il Brevetto Europeo rappresenta un miglioramento importante degli asset tecnologici aziendali. Grazie ad esso Grifal potrà meglio proteggere le sue tecnologie e gli investimenti effettuati in R&D dall’utilizzo e dalla riproduzione da parte di terzi non autorizzati.
Per la Società sarà anche possibile acquisire risorse economiche supplementari attraverso la gestione diretta dei diritti di utilizzo del brevetto.
Da Marzo 2019 Grifal è l’unica azienda italiana che compare nell’Amazon Packaging Support and Supplier Network (APASS). Con APASS il colosso dell’e-commerce ha certificato un network internazionale di società che hanno la capacità di progettare e produrre imballaggi che soddisfino i requisiti necessari per la consegna dei prodotti acquistati online. Tra questi, i più importanti sono gli standard “Frustration Free Packaging” (FFP) e “Ships in Own Container” (SIOC) per una migliore esperienza del cliente e un packaging più ecologico e meno dispendioso.

Questo riconoscimento rafforza ulteriormente le competenze di Grifal in merito alla progettazione, fornitura e certificazione degli imballaggi per l’e-commerce.
Nei giorni scorsi il Ministero per lo Sviluppo Economico, Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese, ha comunicato alla Società il riconoscimento del credito d’imposta ex art. 1 c.89-92 della Legge n. 205/2017 (il cosiddetto Credito di Imposta IPO), a fronte a fronte dei costi sostenuti durante il percorso di quotazione.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.