BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pochi pullman, tante auto: come si organizzano gli atalantini per la trasferta di Roma

Come raggiungere la capitale per il super match di mercoledì 15 maggio? Bus quasi introvabili, Frecciarossa ancora disponibili

Più informazioni su

Mancano meno di due settimane alla storica trasferta di Roma, dove il 15 maggio l’Atalanta si giocherà la finale di Coppa Italia con la Lazio.

Per quel giorno è previsto un vero e proprio esodo di bergamaschi verso la capitale: nessuno vuole perdersi questa pagina di storia del club nerazzurro, comunque vada a finire.

Di biglietti a disposizione ce ne sono ancora parecchi (sono 26mila quelli riservati alla frangia di tifo bergamasca): venerdì alle 10 si è chiusa la vendita di quelli in prelazione agli abbonati, mentre da mezzogiorno e fino alle 18 di lunedì è scattata la seconda fase di prelazione riservata ai tifosi delle due squadre aderenti alle diverse iniziative di fidelizzazione (tradotto: per i possessori della Dea Card che potranno acquistare i biglietti sulla rete vendita LisTicket). Infine da mezzogiorno del 7 maggio scatterà la vendita libera.

Resta il problema di come spostarsi verso Roma, come fare quel viaggio da 600 km che in tanti vorranno affrontare, andata e ritorno, in giornata: i pullman organizzati dai ragazzi della curva e da altre realtà come quella di “Chei de La Coriera” sono tutti esauriti e non è detto che ne verranno proposti altri dal momento che gli autonoleggi pare stiano speculando non poco sull’enorme richiesta orobica, arrivando a chiedere prezzi tre volte superiori alle quotazioni di mercato.

E allora restano due alternative valide: i treni, con il Frecciarossa che propone viaggi a partire da 60 euro (partenza da Milano poco dopo le 7, circa tre ore e mezza di viaggio), oppure la cara vecchia automobile, magari da dividere con 3-4 amici.

Ecco, proprio l’auto sembra il mezzo che la maggior parte dei tifosi in partenza per Roma alla fine sceglierà, con la possibilità (lavoro permettendo) di arrivare nella capitale con largo anticipo per ammirare il grande spettacolo artistico, storico e culturale presente nella città della finalissima.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.